Cultura Eventi Media Società Sports World Football

Tutto il calcio, ovvero la Radio e la nostra società…

giovedì, Gennaio 16, 2020
Tutto il calcio, ovvero la Radio e la nostra società…

Ci sono fatti che interpellano personalmente noi giornalisti, impegnati a raccontare vicende di cui non siamo protagonisti, ma che inevitabilmente ci vedono coinvolti. Tra questi fatti non può che esserci il “compleanno” di una trasmissione radiofonica che ha cambiato la storia di tutti i media e non solo nel nostro Paese: Tutto il calcio minuto per minuto non è e non è mai stata la “solita” trasmissione sul mondo del pallone, con dibattiti, analisi delle partite, moviola e tutto ciò che caratterizza i tanti approfondimenti calcistici ai quali assistiamo. È, prima di tutto, il racconto in diretta, quell’entrare realmente dentro i fatti narrati, quel viverli insieme a chi ascolta e nello stesso tempo sentirsi parte della vicenda narrata. Chi, come il sottoscritto, è andato in onda in radio per dirette su diversi eventi sa bene quale sia l’emozione che si prova nel sentirsi al tempo stesso parte di quell’evento e membro di una grande famiglia insieme a tutti gli ascoltatori. La radio è questo: una grande comunità, uno strumento capacissimo di entrare ancora oggi in tutti i luoghi che le persone frequentano con la dovuta discrezione. È quel mezzo che, con costi sicuramente più contenuti rispetto alle produzioni televisive o alle grandi piattaforme online, riesce a darci la possibilità di essere coinvolti su vari livelli, grazie al fatto di sviluppare la nostra capacità di emozionarci, ragionare e immaginare quanto il cronista racconta. Chissà se i tre Grandi che la inventarono, cioè Guglielmo Moretti, Roberto Bortoluzzi, e Sergio Zavoli, avevano davvero pensato quale rivoluzione avrebbe avuto luogo nella comunicazione, ma anche nella vita delle famiglie italiane, se avevano davvero immaginato che da allora gli uomini, per lunghi decenni, avrebbero passato la domenica pomeriggio attaccati alla mitica “radiolina” nella speranza che la squadra del cuore avrebbe vinto la partita di quel turno di campionato. Chissà se avevano pensato che generazioni di italiani sarebbero cresciuti con le voci di Sandro Ciotti, Enrico Ameri, Alfredo Provenzali, Ezio Luzzi, Bruno Gentili, Emanuele Dotto e tanti altri grandi cronisti ascoltando i quali molti di noi giornalisti di oggi sono stati letteralmente assaliti dalla voglia di fare questo mestiere. sicuramente questa trasmissione che la Rai trasmette da sessant’anni ha resistito anche al cambiamento del calcio, con le partite non più tutte la domenica pomeriggio, ma “spalmate” lungo diversi giorni per il semplice motivo che il racconto di questi cronisti è intriso di passione ed emozione, ma anche di professionalità e precisione. Nella carrellata di nomi fatti in precedenza, ne è stato omesso uno: quello di Riccardo Cucchi. Lo cito solo ora, cari amici ed amiche di Vortici.it, perchè nel 2011, quando uscì il libro Clamoroso al Cibali, ebbi l’onore di poterlo incontrare ed intervistare in una Pescara che, come io e lui condividemmo in quell’intervista, stava vivendo un momento sportivamente molto importante. Eccola quell’intervista del 2011 che vi riproponiamo in tutta quella freschezza del momento in cui è stata realizzata, grazie agli archivi di Radio Speranza InBlu, dai quali l’abbiamo ricevuta.

 

Massimiliano Spiriticchio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi