Internazionale Libri Consigliati Novità Editoriali Novità In Libreria politica estera Redazione Storia

Turchia: ieri, oggi, domani

lunedì, Maggio 31, 2021
Turchia: ieri, oggi, domani

Turchia: ieri, oggi, domani

Questa settimana, Vortici.it, vi parla di un paese che riveste un’importanza geopolitica sempre più importante per diversi motivi.

Decidiamo di farlo proponendovi la lettura di un libro di recente uscita intitolato: Turchia – ieri, oggi, domani(Edizioni Dedalo – collana Le grandi voci), autore Franco Cardini, tra gli storici più noti a livello Internazionale.

La Turchia guidata da Erdoğan si propone sempre più come nuova potenza mondiale indipendente. Com’è avvenuto questo cambiamento? Cardini illustra sapientemente la storia di questo Paese, dall’Impero Ottomano a oggi, perché solo conoscendo il passato si può capire meglio il presente e soprattutto il futuro. Per farvi comprendere meglio la vastità e la complessità del tema, v’invitiamo a leggere con la dovuta attenzione la presente introduzione del testo:

Fra gli anni ’20 e ’30 del XX secolo, la rivoluzione kemalista (dal nome del suo leader, Mustafa Kemal, primo presidente della Repubblica turca) s’impegnò a tracciare i contorni storici della nazione turca cercando di adattarli alle logiche dei nazionalismi europei allora in ascesa, che individuavano le proprie radici nelle antiche popolazioni insediatesi nel loro territorio. Era pertanto facile, anche se storicamente poco corretto, che per esempio l’Italia di quegli anni individuasse come sua antenata l’antica Roma, che il mondo tedesco si riconoscesse in un germanismo dalle tinte “nibelungiche”, che la Francia si rifacesse all’antica eredità dei Galli e che i Paesi slavi ricorressero agli eroi della loro antica poesia epica. Tutte queste operazioni culturali comportavano evidentemente semplificazioni, contraddizioni, approssimazioni e censure, ma erano il prezzo da pagare per l’elaborazione di una coscienza identitaria forte.

Dal canto suo, nel secondo quarto del XX secolo, la Turchia laica e nazionalista di Mustafa Kemal, per la quale europeizzazione e modernizzazione coincidevano, resisteva all’idea di rintracciare le sue radici nelle antiche genti turco-mongole nomadi che nel corso di circa un millennio, mischiate con altre etnie, si erano insediate in Anatolia per trovare poi dignità e coesione di popolo con la conversione all’Islam. Ben attento a tener lontani da sé gli equivoci del panturchismo o del panturanismo, senza poter d’altronde attingere all’eredità ottomana che l’avrebbe ricondotto al sultanato, il kemalismo ripiegò sul principio della continuità insediativa geoculturale giungendo pertanto a celebrare come fondatrice, almeno dei presupposti della “nazione turca”, l’antica civiltà ittita, stanziatasi in Anatolia nella prima metà del II millennio a.C.

Si trattava però di un esperimento debole sotto il profilo archeologico-culturale. Il kemalismo, che nei primi anni ’30 si considerava, con il fascismo italiano e il bolscevismo sovietico, l’araldo di una nuova realtà sociale e civile fondata sul comunitarismo, su un sentire “laico” liberato dal pietismo e dal misticismo e sul culto del capo – il Ghazi (“comandante vittorioso”) o Atatürk (“padre dei Turchi”), come fu soprannominato Kemal – si sviluppò nel mezzo secolo successivo soprattutto come forma di acceso nazionalismo orientato verso l’Europa e l’Occidente e caratterizzato da uno spirito antirusso che aveva già contraddistinto il mondo ottomano.

Il culto della memoria di Mustafa Kemal, assunto a “religione civica” di Stato, completava il quadro. In tale generale contesto convivevano in modo problematico tesi storico-linguistiche che giungevano ad affermare la cosiddetta “teoria della lingua-sole” (ovvero che tutte le lingue discendessero da un primordiale – “solare” – idioma prototurco) e l’origine “turca” del genere umano. Vietato era invece rievocare il tempo glorioso dell’Impero ottomano, la cui eredità era considerata l’opposto antagonistico del kemalismo. La civiltà ottomana veniva vista come un lungo periodo durante il quale i non – turchi (principalmente arabi), o addirittura i non – musulmani (greci, slavi, armeni, latini, ebrei), avevano umiliato e soggiogato gli autentici turchi.

La crisi cipriota, il perdurante problema curdo, i ricorrenti colpi di Stato militari, il sorgere dei primi gruppi fondamentalisti musulmani e la mancata adesione all’Unione Europea hanno cambiato le carte in tavola. La nascita e l’affermazione della cosiddetta “democratura” (democrazia-dittatura) di Recep Tayyip Erdog˘an si è accompagnata non solo alla ripresa dell’Islam conservatore – in realtà mai scomparso nelle aree più arretrate dell’Anatolia – ma anche a un complesso e contraddittorio processo di recupero di elementi che il kemalismo sembrava aver definitivamente cancellato. Da una parte si è assistito al ritorno al senso di orgoglio e di continuità rispetto all’“età d’oro” del sultanato ottomano, fra XV e XVII secolo, e ai progressi dell’europeizzazione – modernizzazione dell’Ottocento ancora sotto il segno del regime sultaniale; dall’altra alla rivalutazione di movimenti come il panturchismo e tendenze per certi versi “irredentistiche”, miranti a rivalutare il ruolo e l’identità dei Paesi “turchi fuori della Turchia”, dall’area caucasica (Azerbaijan) a quella centroasiatica abitata da turkmeni, kirghizi, kazaki, uzbeki e minoranze tatare loro affini.

E affiora, qua e là, il miraggio magari utopistico di una “Grande Turchia”, che orienta la politica erdog˘aniana, almeno in teoria, ancora più in rotta di collisione con la nuova “Grande Russia”, la cui egemonia si riflette sulle stesse repubbliche turco-tatare centroasiatiche.

“Neo – ottomanismo” e “neopanturchismo” sembrano agitarsi nell’odierno contesto di un perdurante nazionalismo turco, che il presidente Erdog˘an sta cercando di tradurre in un rinnovato ruolo di grande potenza, almeno nell’area mediterranea e vicino – orientale. Il patriottismo turco sta quindi mutando rispetto a quello che era un secolo fa: è meno filoeuropeo, anche se non meno filoccidentale, e ostenta una religiosità moderata ma decisa e non più laica.

Alla luce di ciò si capisce perché sia stato così popolare fra i turchi il ritorno, sia pure parziale e formale, di Santa Sofia (Ayasofya in turco) alla sua funzione di moschea – strappata così alla sua funzione “internazionale” di museo – e come, nonostante il presidente Erdog˘an si sia fatto costruire una colossale residenza ad Ankara, sempre più frequenti si facciano le voci di un possibile ritorno di Istanbul alla sua antica veste di capitale.
D’altronde, Istanbul non è ormai più sinonimo di megalopoli cosmopolita e multiculturale, ma sta divenendo simbolo di una rinnovata e rifondata turcitas ben radicata nella fiera consapevolezza del passato imperiale ottomano e nell’identità religiosa musulmana: due tratti che, pur senza rinunciare in nulla alla modernizzazione, si discostano decisamente dal nazionalismo laico, europeizzante e occidentalizzante ereditato dal padre della Turchia moderna, Mustafa Kemal.

La Turchia è una potenza da temere o una preziosa alleata? Questa è la questione vera da cui partire. L’autore in questo libro affronta le origini storiche di uno dei problemi più spinosi del nostro tempo.

A conclusione condivido con voi lettori una brevissima riflessione personale: comunque la si pensi, la Turchia è una nazione potente, con cui ci si deve rapportare, sta anche all’Europa imporsi e pretendere il rispetto dovuto(anche se recenti episodi noti hanno mostrato l’esatto contrario), per ottenerlo occorrerebbe intavolare un processo diplomatico serio che da decenni è inesistente o deficitario. In quasi tutte le situazioni estere, si vive una continua emergenza, parlano i fatti a riguardo. Ci sono sempre questioni spinose. Tutto questo non garantisce una stabilità duratura. Le sedicenti diplomazie Internazionali, dovrebbero interrogarsi davvero a riguardo. Un cambio di rotta generale, sarebbe auspicabile, mi esprimo in questi termini da semplice cittadina.

 

Turchia: ieri, oggi, domani

Franco Cardini è uno dei più importanti storici italiani, professore emerito presso l’Istituto di Scienze Umane e Sociali, aggregato alla Scuola Normale Superiore e autore di numerosi libri di successo.

 

 

 

 

* Occorre responsabilizzare noi stessi! rispettare e attenerci tutti, scrupolosamente e responsabilmente alle regole che abbiamo ricevuto in attesa di ricevere il vaccino. Abbiate cura di voi, dei vostri cari e dei vostri amici.

 

Immagine di copertina: Edizioni Dedalo
Foto: Edizioni Dedalo

Annapaola Di Ienno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi