Cultura Novità Editoriali Novità In Libreria

Storie, messaggi e personaggi che illuminano anche la notte…

giovedì, Marzo 15, 2018
Storie, messaggi e personaggi che illuminano anche la notte…

Ci sono storie in grado di fornire sempre spunti interessanti e messaggi attuali. Ci sono generi letterari che hanno fatto grande la letteratura italiana ed europea. Ci sono personaggi il cui messaggio non passa mai ed è in grado di illuminare non solo l’epoca in cui sono vissuti, ma anche i tempi successivi e la nostra attualità. Nel romanzo storico della professoressa Elsa Flacco, intitolato Per Francesco che illumina la notte (edito da Oakmond Publishing), tutti questi elementi si incontrano in un connubio che sta suscitando grande interesse in Italia e nel mondo. Ambientato nell’epoca immediatamente successiva alla vita di San Francesco d’Assisi, e quindi nel Trecento, tra Umbria, Toscana, Lazio ed Abruzzo, questo romanzo storico racconta le vicende successive alla morte del Santo ed ha per protagonista il suo primo biografo, Tommaso da Celano, uno dei compagni di San Francesco. Ecco la trama, raccontata dalla stessa Casa Editrice sul suo sito: “I frati Tommaso da Celano e Giacomo da Bevagna tornano dopo tre anni di missione in Germania per rivedere Francesco, già molto malato. Dopo un viaggio in Abruzzo alla ricerca delle proprie radici, Tommaso vivrà un periodo cruciale della sua esistenza, due anni in cui starà accanto a Francesco fino alla sua morte e incontrerà Jacopa dei Settesoli, origine di una passione proibita e sconvolgente. La morte del Santo segnerà l’inizio di una storia fatta d’intrighi e tradimenti, inganni e violenze senza esclusione di colpi, in un conflitto che vedrà protagonisti, accanto e al di sopra dei francescani in lotta, tre papi e un imperatore: Federico II, l’unico in grado di cambiare la visione del mondo del mite e colto frate Tommaso. Tra fughe negli eremi dell’Appennino e viaggi in Oriente, alle prese con politici corrotti e segreti inconfessabili, erboristi e alchimisti, artisti e letterati, i due discepoli Leone ed Elia si ritroveranno dapprima alleati contro i chierici dotti, poi avversari irriducibili, fino alla scelta sorprendente di Elia, solo contro tutti. Diviso tra opere intellettuali e impegno militante, Tommaso capirà alla fine che il bene e il male spesso si confondono, non solo nella mente dei semplici. Sa di aver sbagliato tutto e per rimediare, almeno in parte, scrive. Donando ai posteri la propria testimonianza”.

L’opera della professoressa Flacco non è frutto della semplice immaginazione letteraria dell’autrice. Come ogni romanzo storico, ha un solido fondamento che si ritrova proprio nella documentazione che risale all’epoca dei fatti narrati, come spiega sempre la Casa Editrice con queste parole: “Il romanzo si ispira al ritrovamento, nel 2014, della cosiddetta Vita intermedia di Tommaso da Celano, che riempie il vuoto tra le sue due biografie di Francesco fino ad allora conosciute. A Tommaso da Celano la tradizione attribuisce anche la celebre sequenza della liturgia dei morti Dies irae, i cui lugubri accenti hanno ispirato molti compositori”.

Inevitabile, alla luce di tutto questo, che noi di Vortici.it fossimo letteralmente “assaliti” dalla voglia di porre qualche domanda all’autrice. Ecco dunque l’audio della nostra intervista con la scrittrice e professoressa Elsa Flacco, docente di Lettere nel Liceo Scientifico Statale di Guardiagrele, nel cuore del nostro Abruzzo, dal quale abbiamo scelto di partire in un’intervista che, in effetti, è stata una sorta di viaggio tra i luoghi, le generazioni e le varie epoche storiche…

Ascolta l’intervista a due studentesse e una professoressa del Liceo classico di Teramo, a margine della premiazione del concorso del Movimento per la Vita del 2018

Massimiliano Spiriticchio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi