Il Gusto Della Scienza Informatica Internazionale La Buona Scienza Media Redazione Scienze Tecnologia

Storia di un bambino e un bronco in 3D…

lunedì, Dicembre 23, 2019
Storia di un bambino e un bronco in 3D…

L’articolo che vi apprestate a leggere è pubblicato a poche ore dall’apertura ufficiale delle Feste Natalizie. Vortici.it quest’anno decide di raccontarvi una vittoria scientifica italiana. Il protagonista è un bambino di 5 anni affetto da broncomalacia, ovvero la perdita della funzione di supporto da parte degli anelli di cartilagine che compongono le vie aeree. È una lesione relativamente rara che produce una limitazione del normale flusso d’aria attraverso i bronchi conducendo all’insufficienza respiratoria. Inoltre tende ad impedire l’espettorazione(espulsione per via orale il muco bronchiale o tracheale, mediante la tosse), provocando l’intrappolamento delle secrezioni e favorendo le infezioni polmonari. Può avere origine genetica, ma può anche derivare da alcune forme di prematurità e manifestarsi in seguito a traumi e infiammazioni croniche.

Scienza e tecnologia in questo caso complesso, hanno lavorato in perfetta sinergia realizzando qualcosa di straordinario: qui entra in scena il coprotagonista di questa splendida storia, parliamo dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma un’eccellenza italiana, riconosciuta a livello mondiale.
È proprio qui che è stato realizzato l’impianto di un bronco biocompatibile, il primo intervento di questo genere in Europa.

Il bronco 3D è stato interamente progettato da questa struttura ospedaliera, con sofisticate tecniche di imaging(cioè di immagine) e bioingegneria. È stato stampato con materiale bio-riassorbibile che sarà progressivamente eliminato dall’organismo stesso, dopo aver accompagnato la crescita dell’apparato respiratorio del bambino, una volta restituito al bronco la sua normale funzionalità.

A poco meno di un mese dall’operazione, il bimbo è potuto tornare a casa.

Il delicato intervento è durato otto ore, è stato eseguito il 14 Ottobre scorso, da Adriano Carotti, responsabile dell’Unità di funzione di cardiochirurgia complessa con tecniche innovative, in collaborazione con i chirurghi delle vie aeree del Laryngo-Tracheal Team, diretto da Sergio Bottero. Il bronco 3D è il risultato di un progetto dell’ospedale romano basato su uno studio dell’Università del Michigan, dove sono stati eseguiti i primi 15 impianti del genere. Il dispositivo personalizzato è stato disegnato sull’anatomia del paziente, partendo dalle immagini bidimensionali (Tac) realizzate nel Dipartimento di diagnostica per immagini guidato da Aurelio Secinaro e poi rielaborate con sofisticate tecniche di bioingegneria da Luca Borro dell’Unità di Innovazione e Percorsi Clinici.

 

Il bronco in 3D impiantato a un bambino di 5 anni

Il modello tridimensionale, una gabbietta cilindrica che riproduce la struttura del bronco, è stato stampato con policaprolattone e idrossiapatite, composto bio-riassorbibile che sarà eliminato dall’organismo nell’arco di due anni circa.

Un traguardo davvero splendido a 150 dalla nascita di quest’ospedale(1869-2019), ambiente certamente ricco di figure professionali di altissimo livello ma anche luogo di straordinaria umanità, a cui auguriamo di raggiungere traguardi sempre più importanti, come solo la Buona Scienza sa fare…

 

Immagine di copertina: Youtube

Fonte video: https://www.youtube.com

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

– Animazione 3D del bronco impiantato su un bimbo di 5 anni con la tecnica del Bioprinting 3D(3 Dicembre 2019)

TG2000

– I bronchi ricostruiti con stampante 3d per piccoli malati(3 Dicembre 2019)

Miniatura: ANSA

 

Annapaola Di Ienno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi