Arte Cultura Musica

Per ricordare Ennio Morricone, il poeta delle note

giovedì, Luglio 29, 2021
Per ricordare Ennio Morricone, il poeta delle note

Per ricordare Ennio Morricone, il poeta delle note

Il genio delle colonne sonore del cinema che tutto il mondo ci ha invidiato, Ennio Morricone, ci ha lasciati un anno fa: era il 6 luglio 2020, aveva 91 anni. Compositore, polistrumentista e direttore d’orchestra, Morricone è stato autore di alcune delle colonne sonore più amate della storia del cinema, da Per un pugno di dollari di Sergio Leone a Nuovo cinema paradiso di Giuseppe Tornatore, a tante, tantissime altre.
Morricone e i due Oscar. Il maestro ha scritto le musiche di film di tanti grandi registi come Brian De Palma e Quentin Tarantino, il quale lo corteggiò a lungo per avere la colonna sonora di The Hateful Eight, film che poi gli procurò il suo secondo Oscar nel 2016. Il primo Oscar dall’Accademy era arrivato nel 2007: era alla carriera, dato che Morricone era stato nominato per cinque volte tra il 1979 e il 2001 senza aver mai ottenuto la statuetta. Hollywood doveva rimediare. E lo fece così.
Per ricordarlo, a un anno dalla sua scomparsa, proponiamo l’articolo “10 cose da sapere su Ennio Morricone” di Massimo Manzo, tratto Focus Domande&Risposte n. 66 (autunno 2020).

10 cose da sapere su Ennio Morricone

1 – Figlio d’arte. Ennio Morricone era nato a Roma nel 1928, figlio di Mario Morricone, celebre trombettista che suonò in diverse orchestre, esibendosi anche al Teatro dell’Opera di Roma. Sulle orme del padre, anche Ennio imparò presto a suonare la tromba. Si iscrisse poi al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, dove si diplomò nel 1946.
2 – un Medico mancato (per nostra fortuna). In un’intervista rilasciata nel 2017, confessò che da bambino, all’età di 10 anni, avrebbe voluto fare il dottore, perché era rimasto impressionato dalla bravura del suo medico di famiglia (lo stesso dei figli di Benito Mussolini). Fu il padre a fargli cambiare idea, indirizzandolo verso la musica.
3 – Con Sergio Leone: incontro fatale. Il celebre sodalizio artistico tra Ennio Morricone e il regista Sergio Leone iniziò nel 1964, anno in cui musicò il western Per un pugno di dollari. Ma i due personaggi si erano già conosciuti trent’anni prima: erano infatti stati compagni di classe alle scuole elementari.
4 – In Rai: dimissioni provvidenziali. Quando non aveva ancora imboccato la via del successo, trovò un impiego alla Rai come assistente musicale, ma l’esperienza in tv durò poco: si dimise infatti dopo soltanto un giorno. Appena scoprì che la nuova (e noiosa) occupazione gli avrebbe precluso di esercitare pienamente l’attività di compositore.
5 – Canzoni di successo. Oltre a scrivere più di 500 colonne sonore, Ennio Morricone arrangiò anche numerose canzoni pop, alcune delle quali divenute molto celebri, come per esempio Abbronzatissima (1963), Sapore di sale (1963), Il mondo (1965) e Se telefonando (1966). Inoltre compose la sigla ufficiale per i Campionati mondiali di calcio che si svolsero in Argentina nel 1978…

Leggi l’articolo completo di Focus Cultura

redazione Vortici

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi