Società

“Occorre tutelare e valorizzare le risorse per vivere meglio e credere nel futuro”

mercoledì, Giugno 28, 2017
“Occorre tutelare e valorizzare le risorse  per vivere meglio e credere nel futuro”

Vi ricordate la storia di Michela Napolitano? Ve l’avevamo raccontata qualche tempo fa, dicendovi di quell’incontro fatto con lei  con la figlia Elvira, nata diciassette anni fa, quando Michela scelse di non abortire. Abbiamo deciso di ripartire da quel racconto. Lo abbiamo fatto per due motivi: il primo è che questa è una storia familiare, in cui ci è sembrato giusto raccontare come l’ha vissuta e la vive il resto della famiglia. Il secondo è che Michela oggi è impegnata nella società sia attraverso gli incontri che la portano in giro per l’Italia sia attraverso la presenza nella sua comunità cittadina, a Calvello, un piccolo Comune in provincia di Potenza, nel quale si è candidata al Consiglio comunale, in occasione delle recenti elezioni amministrative. Queste esperienze portano Michela a fornire il suo punto di vista, da madre e testimone del valore della vita, su quanto si può fare a livello culturale e politico, sia a livello nazionale sia nelle singole comunità cittadine. Per questo le abbiamo posto qualche domanda:

Come vive la tua famiglia la storia che vivi con Elvira?

Come una sorta di favola! Elvira rappresenta il personaggio più importante… un prodigio, un dono della vita.

La tua missione in giro per l’Italia ti porta a stare in contatto con molte persone che incontri: come viene recepita la tua testimonianza?

Una storia che fa riflettere. Una scoperta utile sull’importanza del rispetto verso l’essere umano. Dopo la testimonianza si percepisce il valore della vita in un’altra misura.

Dal punto di vista legale e politico, il sostegno alla natalità in Italia è sufficientemente messo in atto?

Per niente. Finché vige la legge 194, è legale la morte e la politica è responsabile di questo genocidio.

Quali proposte si potrebbero attuare per fare in modo che gli italiani tornino a fare figli?

Innanzitutto occuparsi di risorse primarie che riguardano la famiglia, non trascurare il lavoro, le linee guide che riordinano il senso della crescita della cultura della vita. Che non si banalizzi mai il cardine della società ( i valori fondamentali). Occorre tutelare e valorizzare le risorse  per vivere meglio e credere nel futuro.

Alcuni sostengono che non ci sarebbe necessità di fare figli: come rispondi a questa posizione?

Forse bisogna lavorare sulla pigrizia, sull’apatia, sulle emozioni. I bambini sono il colore, la bellezza, la speranza, il gioco, la distrazione, la gioia, la reazione, insomma sono la cosa più bella del mondo. Una vita senza bambini è una vita senza colori.

Tu hai scelto di impegnarti in politica candidandoti alle  elezioni amministrative nel tuo Comune: quali sono secondo te le priorità che la politica, a livello globale e nazionale, dovrebbe avere in questo periodo storico? E che ruolo hanno la cultura e la spiritualità nel cercare di individuare la risposta ai problemi che stiamo vivendo?

La politica non deve disperdere energie, la cultura ha un fondamentale compito: formare il popolo a nuovi e imprescindibili obiettivi… La spiritualità è un benessere interiore che si attinge dall’ambiente, dalla famiglia e dalla cultura. É necessario che si racconti di più la storia del Vangelo.  La prima favola per i bambini dovrebbe intitolarsi Gesù.

Michela Napolitano

A Calvello, in provincia di Potenza, sei stata candidata. Che ruolo ha avuto la tua missione in questa campagna elettorale?

Nessun ruolo, la mia missione è rimasta completamente fuori dal contesto.

Perché  tanta poca attenzione alla tua missione?

Forse è distrazione, non credo sia finzione o mancanza di sensibilità.

Sui temi del sostegno alla famiglia ed alla natalità, che cosa si potrebbe fare a Calvello?

Il punto di partenza è il lavoro. Poi c’è necessità di maggiore attenzione all’incentivazione delle priorità dell’essere umano.

Come ha vissuto la tua famiglia questa campagna elettorale?

Con molta attenzione e delicatezza. Amano il proprio territorio e vorrebbero che molte cose cambiassero. Che ci fosse più giustizia sociale equa.

Che messaggio vuoi lanciare ai cittadini di Calvello? Cosa in particolare li inviti a considerare dopo una vittoria così importante per la città?

Chiedo ai cittadini di avere fiducia e dare il tempo di organizzarsi per lavorare e chiedo anche collaborazione.

Quali sono le priorità per Calvello e come pensi che andrebbero affrontate?

Fare impresa e creare lavoro per sempre. Occorre capacità di trasmettere forza, coraggio e creare gruppi di persone e studiare insieme proposte mettere  da attuare. Concretezza!

Non sei passata per diventare consigliere, come mai una persona come te, impegnata cosi tanto sia a livello locale che nazionale, poi nel proprio paese non viene votata?

Bella domanda, mi piacerebbe che rispondessero i calvellesi.

Sei delusa?

La mia squadra ha vinto, ho vinto insieme a loro, la delusione l’ho avvertita quando mi sono mancati quei quattro o cinque voti che attestavano qualcosa che mi sta a cuore secondo la mia visione. La mia campagna elettorale pur essendo stata passionale non l’ho condotta per chiedere voti. Ho lavorato con il programma e, poiché ho deciso solo alla fine di candidarmi, non ho voluto contrappormi tra i vari candidati.

Un’ultima battuta… quanto premia essere leali nella vita e in politica?

Nella vita infinitamente. In politica altrettanto. La politica è un elemento  di dedizione, è un’espressione che appartiene all’essere umano che la rappresenta in quello  spazio temporale.

Massimiliano Spiriticchio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi