Cultura Lifestyle Società Viaggi

Le Giornate d’Autunno alla scoperta di un’Italia ricchissima!

mercoledì, ottobre 9, 2019
Le Giornate d’Autunno alla scoperta di un’Italia ricchissima!

Quello che potremo vivere tra pochi giorni sarà un fine settimana davvero speciale, alla scoperta o riscoperta di tesori che abbiamo e che possono garantire a tutti gli italiani un biglietto da visita apprezzatissimo in tutto il mondo. Quelle del 12 e 13 ottobre sono date da segnare sul calendario perchè, in quei giorni, molte delle meraviglie del nostro Paese saranno ammirabili in modo del tutto speciale, grazie alla Giornate d’Autunno che, come del resto ogni anno, sono organizzate dal FAI, il Fondo Ambiente Italiano. La nostra Penisola metterà in mostra per l’occasione più di 700 luoghi tra palazzi nobiliari, chiese, castelli, aree archeologiche, giardini, architetture industriali, botteghe artigiane, musei e borghi che custodiscono antiche tradizioni. Sabato e domenica questi luoghi potranno essere visitati in molti casi con un semplice contributo volontario destinato alle attività che il FAI porta avanti tutto l’anno, grazie all’opera non solo di quanti normalmente lavorano nei musei e nei luoghi della cultura o nei siti naturalistici italiani, ma anche di tanti giovani, tutti studenti delle scuole che aderiscono al Progetto, i quali faranno da Ciceroni all’interno dei siti inseriti nell’elenco del FAI. Il messaggio è molto chiaro, anche perchè quest’anno le Giornate sono state inserite nel più ampio quadro delle iniziative legate alla campagna Ricordati di salvare l’Italia, ispirato dall’obiettivo di tutelare e promuovere il patrimonio artistico, culturale e naturalistico del Bel Paese: “Il patrimonio di arte e natura del nostro Paese e la sua straordinaria bellezza, che tutto il mondo ammira, sono una ricchezza immensa dal passato millenario e una sfida enorme per l’Italia di oggi che deve impegnarsi per garantirne il futuro” scrive il FAI sul suo sito web. Il concetto viene illustrato dal Fondo Ambiente Italiano con questo spot tanto ironico quanto efficace:

L’invito che giunge quest’anno è insomma quello a puntare sulle reali bellezze e sulla necessità che abbiamo di renderci conto delle ricchezze inestimabili che si trovano nella nostra Italia. Di queste ricchezze, nel prossimo fine settimana, non potranno godere solo gli italiani, ma anche gli stranieri, grazie alla possibilità di visite in diverse lingue, tra cui l’arabo, lo spagnolo, il francese, il tedesco, il russo, l’ucraino e il cinese.

Ma c’è un’altra particolarità che queste Giornate avranno. Parliamo dell’attenzione per l’ambiente che si potrà notare non solo per la scelta di alcuni luoghi, ma anche perchè l’ambiente sarà al centro dell’attenzione: “In un momento storico in cui l’impegno a favore della sostenibilità ambientale e dello sviluppo di una coscienza ecologica – fa sapere il Fondo Ambiente Italiano in una nota – è cruciale, lo scopo del FAI è duplice: la Fondazione, da un lato, si prefigge di ridurre le emissioni di CO² non più del 15% entro il 2023 come da obiettivo fissato nel piano strategico 2014 bensì del 20%, forti dei risultati già conseguiti – dal 2014 al 2018 i Beni del FAI hanno emesso 139 tonnellate in meno di CO²; dall’altro intende creare un progetto didattico per comunicare ai visitatori le azioni virtuose e ripetibili messe in atto nei Beni. Favorendo l’implementazione di tecnologie all’avanguardia e contribuendo alla sensibilizzazione verso questi temi è possibile investire nel futuro dell’arte, della cultura e del paesaggio di questo Paese, che deve proiettarsi in avanti nel rispetto dell’ambiente”. Visitare i luoghi dell’arte, della cultura e della natura italiani sarà quindi anche un modo per viaggiare dentro l’ambiente e apprendere e approfondire la conoscenza di stili di vita più rispettosi del nostro habitat naturale, il Pianeta Terra, magari scoprendo che non si tratta di rinunciare a cose di cui non possiamo fare a meno, ma di riscoprire le relazioni umane e una modalità più salutare di relazionarci tra di noi e con il paesaggio che ci circonda.  

Molti di voi però, a questo punto, si staranno chiedendo: “Va bene tutto, ma dove posso andare il 12 e 13 ottobre?”. Noi di Vortici.it non possiamo rispondere a questa domanda perchè saranno chiaramente i vostri gusti, le vostre disponibilità logistiche e i vostri impegni a determinare la vostra scelta. Una cosa però la facciamo volentieri: indicarvi, tra gli oltre 700 luoghi inseriti nel suo elenco dal FAI, tre siti, posti significativamente uno a Nord, uno al centro ed uno al sud della Penisola italiana, per sottolineare quanto il nostro Paese sia unito dalla sua innegabile e straordinaria bellezza.

Partiamo nel nostro viaggio dal Settentrione, grazie alle descrizioni che lo stesso FAI mette a disposizione sul proprio sito. Andiamo in Piemonte e precisamente a Borgofranco d’Ivrea, in provincia di Torino, per visitare i Balmetti:

“I Balmetti, diminutivo di Balma (antica denominazione di origine ligure che significa grotta o luogo incavato nel monte) sono dislocati a un chilometro circa dal centro di Borgofranco d’Ivrea. Si estendono in direzione nord, per quasi cinquecento metri e formano una sorta di villaggio. Nascondono al proprio interno un fenomeno naturale unico al mondo: una concatenazione di fenomeni geonaturali permette infatti all’aria fresca di fuoriuscire con continuità dal ventre della montagna, quasi fosse un respiro, attraverso numerose fenditure del terreno. Luogo del Cuore votato alla nona edizione del censimento nel 2018”.

Arrivando al Centro Italia, approdiamo in Abruzzo e precisamente a Chieti, dove ammiriamo la Chiesetta di Santa Maria al Tricalle:

Scrive il FAI: “La chiesa di Santa Maria a Tricalle è ubicata poco fuori dal centro storico, nella zona detta appunto del Tricalle, dal latino “Tribus Callis”, cioè all’incrocio di tre strade maestre. Si tratta di uno degli esempi più interessanti in Abruzzo di edificio di culto a pianta centrale. Edificata nel 1317, probabilmente sui resti di un tempio pagano dedicato a Diana “Trivia”, la chiesa fu riedificata e trasformata nel XV secolo, e poi ancora nel 1879. Divenne chiesa cimiteriale per i condannati a morte alla fine del XVIII secolo. L’edificio di culto, a pianta ottagonale in laterizio, conserva della costruzione trecentesca resti del porticato e il semplice portale a sesto acuto in cotto. Luogo del Cuore votato alla nona edizione del censimento nel 2018″.

Proprio in occasione delle Giornate di sabato e domenica nella Chiesetta di Santa Maria al Tricalle si terrà un’iniziativa particolare: verrà allestita, in collaborazione con l’Associazione di Volontariato Onlus Voci di Dentro una mostra di pittura del Maestro “Cadica” (Carlo Di Camillo). Voci di Dentro opera per promuovere la cultura della solidarietà e per il reinserimento sociale delle persone in stato di disagio e degli ex detenuti.

Rpirendiamo il nostro viaggio ed arriviamo infine al Sud, in Sicilia, dove tra l’altro sarà possibile scegliere un percorso itinerante sia perchè in movimento sia perchè propone di alternare la semplice visita a degustazioni tutte da provare. Il percorso è quello da fare lungo la ferrovia Circumetnea:

“È una ferrovia a scartamento ridotto che collega Catania con Riposto, compiendo il periplo dell’Etna e passando per diversi centri pedemontani etnei. È gestita dalla direzione del Trasporto Pubblico Locale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti che ha in carico anche la gestione della metropolitana di Catania e dei servizi automobilistici integrativi e suburbani. Il Treno del Vino permetterà di esplorare il territorio dell’Etna utilizzando l’antico trenino della ferrovia Circumetnea, per visitare e degustare i vini di due cantine sul vulcano attivo più alto d’Europa, in maniera del tutto particolare”.

Quelli che vi abbiamo proposto sono solo tre esempi di possibili scelte in tutte le regioni e le province italiane. Tra gli oltre 700 siti proposti la scelta è varia e si può anche aggiungere che alcuni, presenti in altre edizioni, stavolta non ci sono o che altri ora presenti le altre volte non erano disponibili. Tutto questo però non fa che confermare una cosa che diceva Coco Chanel: “Ci sono persone che hanno denaro e persone che sono ricche”. L’Italia, in questo senso, è davvero ricchissima!

— Massimiliano Spiriticchio

Scrivi un commento

comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Dialoghi "Conversazioni sulla natura dell'universo"
Per saperne di più:
http://vortici.it/un-nuovo-modo-di-leggere-la-scienza-e-la-fisica/
  • Una lingua antica può salvare il patrimonio intellettuale e culturale odierno…
http://vortici.it/una-lingua-antica-puo-salvare-il-patrimonio-intellettuale-e-culturale-odierno/
  • Sfiorar l’anima
http://vortici.it/sfiorar-lanima/
  • Il fenomeno dell’immigrazione raccontato ai bambini
Un libro di Carlo Marconi
http://vortici.it/il-fenomeno-dellimmigrazione-raccontato-ai-bambini/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi