Cultura

L’avventura romantica (e drammatica) di Alessandro Cicognini

mercoledì, Luglio 5, 2017
L’avventura romantica (e drammatica) di Alessandro Cicognini

Ladri di biciclette; Pane, amore e fantasia, Miracolo a Milano, Stazione Termini, La banda degli onesti, Don Camillo, Toto’ Peppino e i fuorilegge, Summertime, Umberto d., Peccato che sia una canaglia, Una romantica avventura, Sciuscia’: cos’hanno in comune tutti questi film? Sicuramente l’epoca storica in cui sono stati girati. Per il resto, ognuno di noi che li abbiamo visti tutti (o quasi) può dire la sua. Ma un elemento che in effetti li accomuna c’è di sicuro: le musiche del grande Alessandro Cocognini, artista abruzzese di Francavilla al Mare, per troppo tempo dimenticato, ma la cui straordinarietà (in tutti i sensi) è ora riportata alla luce da un film che arriva dopo varie iniziative per onorare la sua memoria, non ultime quelle messe a punto dalla compianta Giovanna Porcaro, che, da assessore alla Cultura del Comune di Pescara, si attivò per la memoria del grande musicista abruzzese: Un‘avventura romantica di Davide Cavuti è un’opera che, fin dal riuscito trailer, ci rende partecipi del tormento interiore di Cicognini, interpretato da uno splendido Edoardo Siravo, nei panni proprio del grande musicista, insieme ad attori del calibro di Michele Placido (nel ruolo addirittura di Vittorio de Sica), Debora Caprioglio (che veste i panni della moglie di Cicognini) e Lino Guanciale ( che interpreta un giovane giornalista grande ammiratore di Cicognini). Nel docu – film di Davide Cavuti la storia, che racconta le giornate che precedono il momento in cui il compositore decise di buttare nell’acqua di un fiume tutti gli spartiti musicali delle sue opere, si alterna con le testimonianze di chi lo ha conosciuto, come Giorgio Albertazzi, Pasquale Squitieri e Manuel De Sica.

     

Sceneggiato da un’altra abruzzese, Mila Cantagallo, e dallo stesso Davide Cavuti, prodotto dalla Fondazione Pescarabruzzo e da MuTeArt Film, la pellicola è stata premiata in occasione del 44° Flaiano Film Festival. Il film ha anche alcune dediche particolari: a Manuel De Sica, Pasquale Squitieri e Giorgio Albertazzi, di cui Cavuti ha ricordato di essere stato compositore per molti anni ricevendo il Pegaso d’oro al Flaiano Film Festival: “Alla mia età – ha detto Edoardo Siravo ricevendo anch’egli il Pegaso d’oro e ricordando la crisi che Cicognini ebbe a fine carriera – si vive un po’ tutti questo momento. Si parte con degli ideali, con la voglia delle cose che si vogliono fare nella vita e poi la società, quello che succede, gli anni che passano ci deludono. Quello che a me interessava è vedere questo momento di crisi personale, esistenziale, che forse sto vivendo anch’io. In questo momento in Italia, quando uno si occupa di cultura, di fare l’attore, c’è da andare col lanternino”. Nel docu – film ci sono anche spezzoni di film, alcuni dei quali sembrano quasi sottolineare proprio quella disillusione che caratterizzerà l’ultimo tratto della vita di Cicognini. È il caso di questa scena, tratta da Umberto d. e interpretata da Vittorio De Sica:

Massimiliano Spiriticchio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi