Astronomia Musica Scienze

La Via Lattea & il blues…

lunedì, Maggio 14, 2018
La Via Lattea & il blues…

La Galassia è un sistema formato da un gran numero di stelle e, in generale, da nubi di gas e di polveri.  Il Sole fa parte di uno di questi grandi sistemi, chiamato Via Lattea o Galassia. A occhio nudo si distinguono soltanto quattro galassie: Andromeda, le due Nubi di Magellano e la nebulosa spirale M33. Il numero totale delle galassie osservabili con i telescopi moderni è dell’ordine di miliardi.

I  seguenti contributi ci aiutano a capire in maniera ancora più chiara, in quale ambiente affascinante ci muoviamo:

 

Fatta questa premessa preparatevi a scoprire una curiosità interessante, riguardante proprio la Via Lattea che dalla terra appare, ricordiamolo come una fascia, di aspetto bianco latteo(immagine di copertina). Recentissimi studi scientifici, inoltre, hanno portato alla luce dati che sono sorprendentemente connessi a un genere musicale.

Accordi e scale di piano, basso e sassofono le cui note si fondono insieme per dare vita al blues della Via Lattea. È questa la musica che suona la nostra galassia e lo spartito è stato scritto da un astronomo dell’università del Massachusetts Amherst, Mark Heyer, che con l’aiuto di un algoritmo ha trasformato in note vent’anni di segnali raccolti dai radiotelescopi sul movimento dei gas della galassia. Il risultato è il brano intitolato “Milky Way Blues”, che possiamo ascoltare:

“Le note riflettono soprattutto la velocità dei gas che ruotano intorno al centro della nostra galassia”, commenta Heyer sul sito Sciencealert. Usando una scala minore pentatonica, composta cioè da 5 note, il ricercatore ha trasformato i dati raccolti dai radiotelescopi sui gas della Via Lattea in note e strumenti musicali. Così i gas molecolari sono diventati note del pianoforte, quelli atomici un basso e quelli ionizzati un sassofono.

Le note più alte indicano che i gas si muovono in una direzione, mentre le più basse sono generate dal movimento in senso opposto e le più lunghe indicano a loro volta un’emissione più forte. “Ogni osservazione è rappresentata da una linea, che mostra dove il telescopio era puntato, mentre le posizioni dei circoli lungo la linea indicano il punto dei gas nella galassia”, osserva Heyer.

L’idea di convertire in musica i dati e numeri dello spazio non è del tutto nuova. Già Keplero, nel lontano 1619, scrisse “l’Armonia del mondo”, descrivendo i pianeti come note musicali, basandosi sulla velocità delle loro orbite.

Più recentemente, nel 2014 Domenico Vicinanza, del network europeo Geant, ha usato 36 anni di rilevazioni di raggi cosmici della sonda Voyager per creare un duetto musicale, mentre nel 2015 un astronomo turco, Burak Ulas, ha composto un pezzo con le vibrazioni della stella Y Cam A.

Possiamo dunque tranquillamente affermare che la Galassia ha anche un fascino musicale, oltre che visivo…

 

Fonte video: https://www.youtube.com

AsiTV

Via Lattea – prima parte(13 Luglio 2011)  – seconda parte(27 Luglio 2011)

Astronomy Sound of the Month

Milky Way Blues — Listen to the Sound of our Galaxy Rotating( 30 Aprile 2018)

Immagine di copertina: Via Lattea(Pixabay)

 

Annapaola Di Ienno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi