Cultura Lifestyle

La satira e la capacità di sorridere anche in tempi complicati

giovedì, Marzo 8, 2018
La satira e la capacità di sorridere anche in tempi complicati

“Castigat ridendo mores”. Ovvero “corregge con il ridere le abitudini”. Si dice questo della satira, praticamente da quando esiste. È una vera e propria arte che, nel tempo ha visto nomi illustri cimentarsi con essa. Ma è anche la dimostrazione della capacità, propria degli italiani in particolare, di saper ridere anche nei momenti più complicati. Anche stavolta puntualmente non sono pochi quelli che hanno pensato alla necessità proprio della satira in un periodo pre e post – elettorale tutt’altro che privo di incognite e difficoltà. Anche noi di Vortici.it siamo stati coinvolti dalla voglia di sdrammatizzare la campagna elettorale e il periodo successivo al voto del 4 marzo, raggiunti da messaggi di parenti ed amici che sui vari social hanno ironizzato, magari riprendendo post lanciati da altri o vignette rese celebri e firmate da penne illustri in questo campo. Da quì è nata l’idea di quest’articolo in cui (perchè no?) ridere insieme nella speranza, che per noi è certezza, che anche questo serva ad un Paese che ha sempre trovato nell’ironia, anche pungente, un modo per arginare le difficoltà, affrontandole con lo spirito di chi, alla fin fine, non si rassegna, ma cerca sempre di sorridere. D’altra parte la satira esiste dai tempi dei Greci e dei Latini e forse non è un caso se a crearla come forma d’arte fu Lucilio, un letterato vissuto nel I secolo d.C. e morto, guarda caso, a Napoli. Nel tempo, opere satiriche hanno riguardato praticamente tutte le espressioni artistiche e coinvolto grandi autori come Ludovico Ariosto, Miguel de Cervantes, Blaise Pascal, Daniel De Foe, Wolfgang Goethe, Giosuè Carducci, Victor Hugo e Gilbert Keith Chesterton.

Ma, nei giorni nostri, la satira ha assunto caratteristiche particolari, perchè ha saputo sfruttare al meglio non solo la tv, dove pure, tanto per citare l’esempio più noto al pubblico di oggi, Maurizio Crozza che ci fa ridere con i suoi monologhi e le sue imitazioni, ponendosi nel solco di grandi comici, da Alighiero Noschese ai Guzzanti passando per tanti altri che hanno fatto la storia della televisione italiana. La satira di oggi si esprime molto attraverso giornali e web, con una forma davvero molto particolare. il disegno o il ritocco fotografico. Da diversi decenni i giornali hanno iniziato a pubblicare, oltre alle notizie vere e ai commenti dei loro editorialisti, anche vignette ironiche con cui offrire ai lettori l’occasione giusta per sfruttare l’innata capacità di sorridere di fronte alle vicende liete e tristi del quotidiano. Così sono nate immagini destinate a rimanere nella storia, come quelle del grandissimo Giorgio Forattini, che vi mostriamo in questa prima “galleria fotografica”: si comincia con l’immagine di Fanfani, allora segratario della Democrazia Cristiana, che salta come il tappo di uno spumante dopo il voto al referendum sul divorzio del 1974, che provocò l’inizio della fine della sua leadership politica. Si prosegue con Andreotti che succede sempre a se stesso e si finisce proprio con lui che illustra il suo “programma”.

Ma, se allora le immagini satiriche si trovavano solo sui giornali, adesso circolano anche sul web, dove si possono trovare sia immagini e battute create proprio per i social e divenute “virali”, sia vignette scritte per i giornali, ma ritenute da molti particolarmente efficaci. Perciò, in questa seconda galleria, sorridiamo insieme con una serie di ironie sulla recente campagna elettorale e sugli scenari successivi al voto, cominciando proprio da una vignetta del celebre Staino.

Riflessioni per immagini e battute: questi sono gli ingredienti dell’ironia satirica di oggi, che può dare ospitalità a riflessioni serie e profonde, come quelle, orientate comunque alla speranza e alla voglia di “pensare positivo”, con cui concludiamo

 

Massimiliano Spiriticchio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/