Lifestyle Media Società

La reazione al maltempo? C’è a Pescara e in Abruzzo come a Milano Marittima

venerdì, Luglio 19, 2019
La reazione al maltempo? C’è a Pescara e in Abruzzo come a Milano Marittima

L’estate che stiamo vivendo è tutt’altro che torrida, almeno fino a questo momento, nella nostra Italia, colpita da fenomeni di maltempo quantomeno insoliti per questo periodo. Ne sanno qualcosa gli abitanti ed i turisti che erano a Milano Marittima e sul litorale abruzzese, in particolare a Pescara, il 10 luglio scorso, quando il vento misto a pioggia ha provocato la caduta di molti alberi nella località romagnola, mentre chicchi di grandine grandi come arance si sono abbattuti sulla città abruzzese e i suoi dintorni. Ma, se nel primo caso, l’immediata ripartenza con tanto di stabilimenti aperti e funzionanti in tutto e per tutto ha suscitato la positiva attenzione dei media, pronti a pubblicare le foto di lettini e sdraio regolarmente al loro posto il giorno dopo il nubifragio e a sottolineare la straordinaria capacità di ripartire subito che, come spesso accade a quelle latitudini, si è registrata, non altrettanto è accaduto in una città, Pescara, che già nelle ore immediatamente successive alla grandinata ha fatto fronte ai disagi fortissimi che si sono verificati. Solo per far capire cosa abbia rappresentato per questo territorio quanto accaduto basta dire che non solo ci sono state molte auto con i verti rotti, ma a rompersi sono stati anche quelli delle finestre di molte case e di numerose attività produttive e commerciali, messe letteralmente in ginocchio. Eppure il giorno dopo, mentre gli stabilimenti lungo la spiaggia pescarese erano anch’essi regolarmente aperti nonostante i danni subiti, altrettanto si può dire per molti bar e negozi, dove a tempo di record i danni, vetri rotti compresi, sono stati riparati. Il sottoscritto lo ha potuto constatare personalmente quando, andando a prendere un caffè in uno dei locali più noti di Pescara, alla domanda: “Ma avete avuto danni dal maltempo di ieri?” si è sentito rispondere “Sì! abbiamo avuto i vetri delle vetrine rotti”. Quegli stessi vetri, nel momento in cui è stata fatta quest’affermazione, rotti non erano più.

Ma le notizie più belle sono giunte dall’ospedale di Pescara, che sorge in una zona in cui i problemi, tra strade piene di buche e marciapiedi impraticabili soprattutto per anziani, disabili e passeggini, la viabilità sia a piedi che in auto è già impossibile quando il sole sorge alto e il cielo è sereno. In quel nosocomio il parcheggio ed alcune sale operatorie si sono allagati al punto che è stato necessario l’intervento dei sommozzatori per liberarlo dall’acqua. Anche le cucine sono state fuori uso per diverse ore. Però, nonostante questo, mentre i pazienti hanno mangiato piatti freddi, sono comunque state fornite le cure ai malati e le cronache dei giornali abruzzesi hanno potuto raccontare le storie di due parti che comunque sono stati portati a termine e di due bambini nati in buona salute, ma anche di un delicato intervento di neurochirurgia comunque eseguito insieme ad altri interventi che non potevano essere rinviati. Pescara e il litorale d’Abruzzo, insomma, hanno avuto una pronta reazione esattamente come Milano Marittima, anche se non ci sono foto su grandi quotidiani nazionali a sottolinearlo. Lo facciamo, anche per questo, noi di Vortici.it, desiderosi di far emergere sempre e comunque le buone notizie, senza per questo nascondere le problematiche che comunque fenomeni come questi di quest’estate ci stanno sottoponendo con particolare forza, come spiega in quest’intervista rilasciata a Radio Speranza InBlu, che noi proponiamo alla vostra attenzione anche per le indicazioni in essa contenute, il meteorologo di AbruzzoMeteo Giovanni De Palma:

 

Massimiliano Spiriticchio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi