Cultura Lifestyle

La Pasquetta ricca di Splendore in un Borgo Antico con la Madonna, un paesaggio unico e…

mercoledì, Aprile 4, 2018
La Pasquetta ricca di Splendore in un Borgo Antico con la Madonna, un paesaggio unico e…

Ci sono occasioni in cui davvero si possono fare esperienze nuove, si possono scoprire posti nuovi e apprendere storie, tradizioni e culture che magari abitano alle porte di casa nostra e che non abbiamo mai avuto occasione di approfondire. La Pasquetta è una di quelle feste che, nel clima tipico di festa e voglia di stare insieme, fornisce tale occasione, facendoci immergere in una serie di riti, devozioni, manifestazioni ed eventi culturali e folkloristici che caratterizzano in modo del tutto speciale i tanti Borghi d’Italia.

Questa festa che, come ha sottolineato anche il Papa, scaturisce da quella voglia di condividere ancora con parenti ed amici la gioia grande della Pasqua con il suo ritorno alla Vita in tutti i sensi, è caratterizzata dalla vera e propria esplosione allegra e profonda al tempo stesso di manifestazioni spontanee profondamente radicate nel cuore di tanti. Accade così che alcuni centri rivelino la loro bellezza ed unicità, regalando ai visitatori una bellezza fatta di paesaggi, storie e persone.

È il caso di Silvi, Borgo antico che sorge in prossimità del mare abruzzese, nell’area in cui la provincia di Teramo “tocca” quella di Pescara, frequentato anche da personaggi molto noti del calibro di Mogol. Quì si è sviluppato lungo i secoli un culto molto antico ed ancora molto sentito, quello della Madonna dello Splendore, dal significato di grande attualità, in tempi nei quali molti avvertono il bisogno di Luce. Il culmine di questa devozione particolare si registra proprio a Pasquetta: il Lunedì dell’Angelo, infatti, tutta Silvi viene percorsa dalla statua della Vergine con il Bambino, seguita dai fedeli che invocano proprio il fulgore. L’occasione è di quelle da non perdere per mostrare le tante bellezze che questo territorio offre e condividerle con i visitatori, facendoli sentire davvero a casa loro. Per questo l’Associazione Antico Borgo Marinaro di Silvi ha organizzato insieme a chiunque abbia voluto dare una mano alcune iniziative tese a far apprezzare il Borgo di Silvi, tra degustazioni di specialità dell’arte culinaria, camminate guidate e momenti di spiritualità e di approfondimento degli aspetti tradizionali e religiosi. Il risultato è stato una gradevolissima giornata, vissuta sviluppando relazioni e conoscendo storie di devozione, fede e capacità di unirsi non per sterili rievocazioni, ma per sentirsi comunità accogliente e solidale. Vortici.it era lì, insieme alle circa mille persone presenti lungo tutta la giornata, e vi fa ascoltare e vedere quanto accaduto.

Cominciamo dall’oggetto della festa: la Madonna dello Splendore. Come si è diffusa questa devozione a Silvi? Qual’è il significato degli elementi che ne compongono l’immagine? Come è arrivata la sua festa fino a noi? A queste domande ha risposto in un incontro tenutosi nelle chiesa del Ss. San Salvatore il giornalista Paolo Martocchia. Noi ve lo mostriamo in questo video, che abbiamo montato con le immagini che il nostro amico e collega ha mostrato:

Perchè è ancora oggi così sentita ed importante la Festa della Madonna dello Splendore? lo abbiamo chiesto al parroco del Ss. San Salvatore don Gastone:
https://vorticimagazine.tumblr.com/post/172586551726/la-madonna-dello-splendore-di-silvi-incontro-con

come non sentire poi la voce di chi rappresenta, con passione ed entusiasmo letteralmente travolgenti, quanti hanno voluto unirsi per questa e – perchè no? – tante altre iniziative? Ecco allora l’intervista con la responsabile dell’Associazione Antico Borgo Marinaro di Silvi Ginevra Binni, che con noi si è soffermata anche sulla possibilità di scoprire l’unicità la bellezza di Silvi e dell’Abruzzo durante tutto l’anno:

https://vorticimagazine.tumblr.com/post/172586599281/incontro-con-ginevra-binni-associazione-antico

A questo punto però qualcuno di voi potrebbe chiedere: “Non ci fate vedere qualcosa della passeggiata per Silvi?” La risposta eccola quà: un estratto di una chiacchierata fatta tra alcuni partecipanti e il giornalista Paolo Martocchia che, in prossimità del Belvedere, racconta così alcune cose da sapere tra cultura popolare e rapporto con l’ambiente.

Difficile non capire come abbia fatto un grande paroliere come Mogol a restare rapito dalla bellezza e dal fascino di certi luoghi, che ritroviamo in due dei suoi brani: “La fila degli oleandri” cantata  da Gianni Bella e “La canzone del sole”. Ascoltate bene il testo e, se siete passati da queste, parti, riconoscerete alcuni elementi naturali che, in effetti, da queste parti non mancano…

Massimiliano Spiriticchio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi