Ambiente curiosità Economia Internazionale Lifestyle Media Redazione Tecnologia

La macchina eco-friendly è(quasi…) pronta e parla giapponese…

lunedì, Dicembre 16, 2019
La macchina eco-friendly è(quasi…) pronta e parla giapponese…

Vortici.it è da sempre attenta all’ambiente ed è amica della natura. Vi abbiamo ribadito più volte la necessità o meglio l’urgenza di preservare il nostro Pianeta, divulgando azioni eco – friendly. Questa settimana, dopo Energy Observer, decidiamo di portare alla vostra attenzione un ulteriore connubio, esistente, in via sperimentale, tra energia pulita e tecnologia.

A tal proposito c’è un prototipo a cui i fondatori di una start up olandese stanno lavorando: si chiama Lightyear One. Il principio della start up è quello di aumentare l’apporto di energia diminuendo i consumi. Scopriamo a grandi linee di cosa si tratta.
Grazie all’energia solare e a questo nuovo metodo di ricarica con i pannelli fotovoltaici, sarà possibile con il tempo, guidare la propria auto per mesi, senza avere mai bisogno di fare una ricarica. Anche durante la notte non ci sarà bisogno di arrestare il veicolo, perché nelle ore diurne si potrà accumulare l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici, situati all’interno delle batterie.

Toyota è una delle case automobilistiche che sta studiando la realizzazione di una superficie fotovoltaica per aumentare l’autonomia della Prius (l’auto ibrida di maggiore successo al mondo), per poi sperimentarla e adottarla sul veicolo.
Quello che la casa automobilistica ha progettato e inizierà a inserire su queste vetture tanto apprezzate e vendute sul mercato è un tetto fotovoltaico(immagine di copertina). Si tratta di una soluzione che sarà in grado di aumentare l’autonomia della macchina di più di 50 km, caricando le batterie nel momento in cui la stessa è parcheggiata. Un traguardo di grande importanza, dopo le prime soluzioni adottate.

Toyota, infatti, fino a questo momento, ha offerto ai clienti un sistema opzionale sempre basato sui pannelli solari, in grado di produrre 180 W di corrente al sole e in grado di far funzionare, solo il sistema di climatizzazione della vettura. Infatti, nel caso avesse deciso di utilizzare l’energia accumulata per caricare la batteria di trazione, la quantità minima raccolta avrebbe permesso, alla Prius, di percorrere più o meno 6 km al massimo, un tragitto praticamente nullo e privo di senso, soprattutto se pensiamo che l’optional ha ovviamente un costo aggiuntivo.

Per aumentare quindi l’efficienza della ricarica attraverso i pannelli solari sul tetto della Toyota Prius la casa automobilistica ha deciso di stringere un’importante partnership con Nedo e Sharp. Ha inoltre annunciato i risultati dei test compiuti su strada, pubblicandoli insieme alle prime foto fatte. La potenza generata dal nuovo sistema è passata da quel valore di 180 W di cui abbiamo parlato a un nuovo valore decisamente più alto di 800 W e l’efficienza di conversione da una percentuale iniziale del 22.5% ha oltrepassato il 34%. I livelli sono ottimi dunque e in termini pratici possiamo dire che il nuovo sistema che si ricarica con l’energia solare di Toyota si stima possa aggiungere 44 km aggiuntivi di ricarica a veicolo fermo e 56 km se la vettura invece è in movimento. Un risultato niente male.

Al momento non sappiamo ancora se effettivamente la casa deciderà di commercializzare seriamente il sistema e, nel caso, quando lo farà. Quel che è certo ad oggi è che sarà testato, come confermato da Toyota, nella prefettura di Aichi a Toyota City e sulle strade di Tokyo.

Un’ultima considerazione interessante per concludere: i pannelli utilizzati da Toyota, Sharp e Nedo sono spessi soltanto 0,03 mm, quindi si possono apporre anche su superfici curve: su tutta la superficie dell’auto, quindi, o quasi. Inoltre, anche in movimento la ricarica può procedere. Dalla Nedo assicurano che, se l’auto venisse guidata per 4 giorni alla settimana per un massimo di 50 km al giorno, non occorrerebbe mai ricaricarla. Uno dei prossimi test, in agenda per marzo 2020, sarà condotto a Tokyo. Il motivo è semplice: un’auto del genere potrebbe funzionare benissimo in climi soleggiati, ma cosa accadrebbe, invece, dove il sole splende meno? La risposta sarà preziosa per decidere se, come e quando tentare di produrre il veicolo su larga scala.

Non ci resta che attendere fiduciosi… nel frattempo godiamoci questa brevissima anteprima:

 

 

Immagine di copertina: Toyota Prius a pannelli solari

Fonte video: https://www.youtube.com

Annapaola Di Ienno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi