Ambiente curiosità Il Gusto Della Scienza La Buona Scienza Media Redazione Scienze Tecnologia

La Favolosa è made in Italy

lunedì, Ottobre 19, 2020
La Favolosa è made in Italy

La Scienza e la tecnologia fanno passi da gigante. Vortici.it questa settimana, è pronta a illustrarvi l’ennesima vittoria tecnico – scientifica! Da anni, i nostri oliveti sono affetti da una malattia nota come Xylella fastidiosa. Soprattutto in Puglia, molte piantagioni sono state abbattute o distrutte, danneggiando non solo un intero comparto economico, ma anche l’ambiente. La svolta arriva, come sempre inaspettatamente, quando tutto sembra perduto:
Consiglio di realizzare in Salento impianti nuovi intensivi, super intensivi ma soprattutto razionali”. Siamo nel 2018, e questa fu la dichiarazione di Giuseppe Fontanazza, già direttore del Cnr di Perugia e costitutore (o se preferite realizzatore) della varietà di olivo denominata Fs-17, in una giornata tecnica, all’epoca organizzata da Consorzio Oliveti d’Italia, Assoproli e Odaf Bari.

Scopriamo meglio di cosa si tratta:

La Fs-17 – ha illustrato Fontanazza – nasce come portainnesto clonale di olivo (Olea europaea) ottenuto attraverso la selezione massale(che mantiene cioè la massima variabilità genetica) di semenzali(piante) della varietà Frantoio. È una varietà di bassa vigoria con portamento tendenzialmente pendulo e rametti fruttiferi piuttosto lunghi, flessibili e carichi di drupe spesso a grappolo. È idonea per la valorizzazione di impianti a media (450/500 piante/ha) e alta densità (1.000-1.100 piante/ha)”.

Fs-17 si distingue per la rapidità di crescita in campo con inizio di fruttificazione già al secondo anno di piantagione e per l’evoluzione rapida d’incremento produttivo a regime ottimale dal quarto al sesto anno di piantagione. Dalla sua molitura (estrazione) si ottiene un olio extravergine di oliva caratterizzato da un fruttato medio intenso, con un piccante che prevale sull’amaro, note di erba tagliata, pomodoro fresco e dal sapore leggermente, di carciofo. Riportiamo ovviamente  la descrizione fatta dagli esperti di settore.
La cultivar FS-17, nota all’estero anche come Favolosa, è capace di resistere al batterio della Xylella fastidiosa. La Fs-17 è made in Italy. Non ci resta che conoscere da vicino l’impianto intensivo dove si coltiva la medesima, grazie al seguente contributo brevissimo:

Di seguito vi elenchiamo solo alcune delle caratteristiche che la contraddistinguono, evitando ti entrare in troppi tecnicismi:
– Ampia adattabilità a differenti situazione pedoclimatiche;
– Auto fertilità totale che garantisce un’altissima produzione costante negli anni;
– Il periodo improduttivo è molto breve, poiché inizia a fruttificare dal secondo anno d’impianto;
– La potatura induce una fruttificazione abbondante e precoce e di conseguenza si ha una precocità di raccolta;
– La resa in olio dei frutti è circa del 18%;
– È un olio ricco di aroma con alto tenore di acido oleico sentore erbaceo con fruttato gradevole al gusto.

Per finire, la Fs-17 o Favolosa si adatta perfettamente sia all’impianto intensivo meccanizzato, sia ad un impianto tradizionale semi – meccanizzato.

 

* Occorre responsabilizzare noi stessi! rispettare e attenerci tutti, scrupolosamente e responsabilmente alle regole che abbiamo ricevuto, abbiate cura di voi, dei vostri cari e dei vostri amici.

 

Immagine di copertina: Olivo FAVOLOSA FS-17 – 2 anni (GardenHome)

Fonte video: https://www.youtube.com

Vivai Oliveti d’Italia

Impianto di olivo intensivo di Cultivar Favolosa FS-17(27 Novembre 2018)

Annapaola Di Ienno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento