Ambiente Clima curiosità Media Redazione Tecnologia

Una nuova realtà: la coltivazione idroponica

lunedì, Settembre 7, 2020
Una nuova realtà: la coltivazione idroponica

Vortici.it, lo sapete è da sempre amica dell’ambiente e cerchiamo di approfondire per quanto possibile temi riguardanti l’ecosostenibilità. Questa volta, chi vi scrive si è piacevolmente imbattuta in ciò che si chiama: coltivazione idroponica. Preparatevi gradualmente a scoprire un mondo certamente complicato (per i non addetti ai lavori) ma anche affascinante. Per poterlo fare al meglio e in maniera comprensibile, questa volta vi propongo un percorso.

Partiamo dal significato generale ed etimologico:

Cos’è idroponica? Cosa s’intende per agricoltura idroponica? Per semplificare, possiamo dire che l’idroponica è la coltivazione delle piante fuori suolo, ovvero senza terra e grazie all’acqua, nella quale vengono sciolte sostanze nutritive adatte per far crescere le piante velocemente e in salute. In breve, è la coltivazione delle piante in acqua. L’etimologia della parola idroponica deve ricercarsi nella lingua greca antica: “hidro” ovvero acqua e “ponos”, che significa lavoro; in sostanza la parola idroponica identifica proprio il lavoro e l’azione potente dell’acqua impiegata – in questo caso – per lo sviluppo e la coltivazione delle piante, sia di tipo decorativo che di tipo ortofrutticolo.

Cos’è e come funziona l’agricoltura idroponica:

Vediamo, allora, come funziona esattamente l’idroponica e – più in generale – come vengono strutturate e realizzate le colture da agricoltura idroponica. L’idroponica – ovvero la coltivazione senza suolo o fuori suolo – prevede l’adozione di tecniche alternative di coltivazione che – come anticipato sopra – non prevedono l’uso del terreno, ma con l’impiego di un substrato e con l’azione dell’acqua e sostanze nutritive disciolte al suo interno. Esistono, in realtà, due grandi tipologie di coltivazione idroponica: quella che impiega il substrato, ovvero miscele di perlite, sabbia, argilla espansa, ecc., che viene inumidito e irrigato con acqua e sostanze nutritive, e la coltivazione idroponica senza substrato, dove le radici delle piante sono immerse nel flusso della soluzione nutritiva (composta da acqua e sostanze disciolte). Sebbene le piante come il riso, i gigli d’acqua o le piante carnivore possano adattarsi bene in ambienti scarsamente ossigenati, o addirittura stagnanti, la maggior parte delle piante evidenzia difficoltà ad adattarsi ad ambienti in cui c’è scarsità di ossigeno.

Una pianta che non riceve le giuste quantità di ossigeno nella zona delle radici muore asfissiata, anche se riceve la giusta quantità di acqua e nutrimenti. Non a caso, una delle cause più frequenti di morte delle piante acquatiche è l’eccessiva quantità d’acqua irrorata durante le sessioni di irrigazione. Per questo, è fondamentale accertarsi che le piante coltivate in idroponica ricevano anche la giusta quantità di ossigeno e quindi di aria. A tal proposito, occorre ricordare che l’acqua – all’interno della coltivazione e quindi dell’agricoltura idroponica – deve essere “vivente”: occorre essere consapevoli che, qualunque sia l’ambiente in cui vivono, sia il suolo, l’aria o l’acqua, le piante assorbono il loro cibo nella forma di ioni dissolti nell’ossigeno. Per questo si ricorre frequentemente anche all’aeroponica, che – attraverso una pompa d’aria – garantisce alle piante una corretta ossigenazione. Quando il cibo e l’ossigeno vengono assorbiti dalle piante coltivate, devono poi essere rinnovati attraverso la sostituzione della soluzione nutritiva.

Con questa tecnica di coltivazione senza suolo, che stimola la crescita delle piante, l’agricoltore deve controllare la quantità di acqua, sali minerali e, più importante di tutto, l’ossigeno erogato. Nella coltivazione idroponica, come abbiamo visto, l’acqua sostituisce il terriccio. Quando le radici sono sospese nell’acqua in movimento, assorbono rapidamente sia le sostanze nutritive sia l’ossigeno. Se la quantità di ossigeno è insufficiente per il bisogno della pianta, la sua crescita sarà lenta. Se al contrario la pianta sarà correttamente ossigenata, la pianta crescerà più velocemente e in salute. Lo scopo di chi si occupa di agricoltura idroponica è bilanciare la combinazione di acqua, nutrienti e ossigeno, secondo le necessità delle piante al fine di massimizzare produzione e qualità.

Per ottenere ottimi risultati con la coltivazione idroponica, è fondamentale monitorare alcuni parametri essenziali: la temperatura, l’umidità, il livello di CO2, le ore di luce e l’intensità dell’illuminazione, la ventilazione, la salute delle piante e l’assenza di malattie (sebbene nelle coltivazioni idroponiche la diffusione di malattie legate ai parassiti è sensibilmente inferiore rispetto a quanto avvenga generalmente con la coltivazione tradizionale).

I Vantaggi:

Il grande vantaggio offerto dall’agricoltura idroponica è senza dubbio la possibilità di coltivare ovunque, anche dove non c’è terreno o non c’è il clima ideale per avviare determinate coltivazioni di tipo tradizionale. Con questo sistema è possibile avviare una coltivazione indoor(vedi immagine di copertina) o outdoor, in orizzontale – come nelle classiche coltivazioni – ma anche in verticale, un metodo che consente di risparmiare spazio. Inoltre, l’agricoltura idroponica consente un controllo maggiore della gestione delle risorse idriche e nutrizionali e un certo risparmio di acqua grazie al recupero e al riutilizzo del flusso idrico, che viene raccolto dopo l’utilizzo e riciclato per un nuovo ciclo di irrigazione. A questo si accompagna anche una migliore gestione dei nutrimenti erogati alle piante, perché c’è la misurazione e il controllo totale delle sostanze nutritive, senza dimenticare poi – come anticipato sopra – il vantaggio nel controllo delle malattie legate ai parassiti tipici delle coltivazioni tradizionali, perché – non essendoci il terreno – viene ridotto al minimo anche il rischio di animali pericolosi e anche erbe infestanti. Tutto questo porta dei vantaggi anche sull’ambiente: con le coltivazioni idroponiche è possibile ridurre in modo sensibile sia gli sprechi dei nutrimenti sia le dispersioni d’acqua, ma anche l’uso di diserbanti e sostanze chimiche, dimostrandosi così un tipo di coltura sicuramente più sostenibile di quella tradizionale in terra. Sebbene, infatti, l’agricoltura idroponica preveda l’uso di energia elettrica, attrezzature, strutture e telai, considerando le emissioni di CO2 a parità di prodotto ottenuto, i livelli d’inquinamento prodotti dalle coltivazioni fuori suolo sono nettamente inferiori. E – considerando anche la progressiva riduzione del numero di aree coltivabili nel mondo – lo sviluppo della coltivazione è auspicabile, considerando le crescenti necessità della popolazione mondiale.

Piante idroponiche – cosa vuol dire e che caratteristiche hanno:

Con il termine piante idroponiche non s’identifica una famiglia di specie vegetali particolari, coltivabili facilmente in acqua o predisposte alla coltivazione in acqua, ma le piante prodotte utilizzando appunto dei sistemi idroponici. In linea generale, infatti – salvo casi rari e particolari – tutte le piante possono essere coltivate in un sistema idroponico e non esistono piante speciali e specifiche per l’idroponica. Quando si parla di coltivazioni idroponiche e – in particolare – dei prodotti forniti dall’agricoltura idroponica, la domanda è sempre la stessa: la verdura e la frutta ottenute con l’idroponica hanno lo stesso sapore?
La risposta è che dipende dalla qualità delle sostanze nutritive utilizzate dall’agricoltore per nutrire le sue piante. Il sapore finale dei frutti coltivati dipende dalla presenza di determinati composti e dal rapporto tra loro. Solo a titolo di esempio, basti pensare il sapore dolce è dettato dalla concentrazione dei livelli di zuccheri, i toni acidi sono dati dalla combinazione di calcio, fosforo e potassio con gli acidi organici, pertanto variare le proporzioni o la tipologia della soluzione nutritiva fa realmente la differenza. Proprio come la temperatura, l’umidità, il pH della soluzione, ma anche la luce. Pertanto, quando l’agricoltura idroponica produce frutti insapori – come ad esempio i pomodori olandesi tutti uguali e dalla forma perfetta che troviamo generalmente nei normali supermercati – la responsabilità è di chi nutre le piante e non del sistema in sé.

Piante di pomodori in idroponica

I due video seguenti vi aiuteranno comprendere ancora meglio, attraverso le immagini,  una realtà poco sconosciuta, ma ricca di prospettive e di futuro e questo ci piace!

 

 

* Occorre continuare ad attenerci scrupolosamente e responsabilmente alle regole che conosciamo, abbiate cura di voi, dei vostri cari e dei vostri amici.

 

Immagine di copertina: Coltivazione idroponica indoor (Wikimedia Commons)
Altre immagini: Pomodori in idroponica (Wikipedia)

Fonte video: https://www.youtube.com
– Serra idroponica – Superquark 24/07/2019 (25 Luglio 2019)
RaiPlay
– Come coltivare in idroponica, ciclo completo dalla germinazione alla raccolta TUTORIAL(31 Agosto 2017)
Growrilla Hydroponics

Annapaola Di Ienno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi