Astronomia Il Gusto Della Scienza La Buona Scienza Scienze

Il primo satellite per le telecomunicazioni è italiano

lunedì, Settembre 4, 2017
Il primo satellite per le telecomunicazioni è italiano

Quaranta anni fa, il 26 agosto 1977, l’Italia lanciava il suo primo satellite per le telecomunicazioni, Sirio. Il lancio avvenne dal Kennedy Space Center a Cape Canaveral, in Florida, con un razzo Delta. “Sirio rappresenta una pietra miliare per l’attività spaziale italiana: è stato un passo importante che ha permesso alla nostra industria di crescere e consolidarsi e di giocare un ruolo importante nelle telecomunicazioni” ha detto all’ANSA il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asiche abbiamo imparato a conoscere tempo fa) Roberto Battiston. Se l’Italia oggi è la sesta potenza del settore spaziale, ha rilevato Battiston, è anche grazie alla strada aperta da quel lancio.

Parliamo di un cilindro del diametro di 143 centimetri, pesante 229 chilogrammi ricoperto da celle solari: era questo l’aspetto di Sirio (Satellite Italiano di Ricerca Industriale e Operativa). Fu progettato con l’obiettivo principale di sperimentare la propagazione ad alte frequenze, fu utilizzato anche per effettuare test sulle comunicazioni televisive, e aprì la strada alle missioni di tipo applicativo.

Nato da un’idea di Francesco Carassa, del Politecnico di Milano, e dalla collaborazione tra il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e la Compagnia Industriale Aerospaziale, un consorzio che riuniva le principali aziende del comparto, il satellite era stato progettato per avere una vita operativa di due anni, ma rimase attivo per otto anni, fino al 1985.

Fonte: ANSA

Immagine: Sirio

Fonte immagine: ANSA

Annapaola Di Ienno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi