Il Gusto Della Scienza La Buona Scienza Scienze

I risvegli estemporanei? fanno parte di noi…

lunedì, Ottobre 9, 2017
I risvegli estemporanei? fanno  parte di noi…

È molto frequente svegliarsi in piena notte, infastiditi dal fatto che per l’ennesima volta, il proprio sonno sia stato interrotto dai motivi più vari (cena rimasta sullo stomaco, vicini chiassosi etc.), per poi rincuorarsi nel costatare che abbiamo ancora delle ore di sonno davanti a noi da sfruttare, prima di iniziare la nostra giornata.
Una ricerca recente, è riuscita a scoprire il responsabile di questi risvegli estemporanei ovvero: l’uomo primitivo che è in noi e la sua insopprimibile voglia di sopravvivere alle minacce notturne.
Proviamo a capirci di più su questo studio condotto da antropologi americani, che ha fornito risultati alquanto curiosi a riguardo.
I ricercatori sono partiti dalla cosiddetta “ipotesi della sentinella”, formulata dallo psicologo Frederic Snyder nel 1966, secondo cui: la selezione naturale avrebbe premiato, facendo arrivare fino alla modernità i discendenti – solo gli uomini caratterizzati da risvegli periodici durante la notte.
“Se un gruppo di dormienti è formato da persone di età assortita, come accade nei gruppi numerosi, e se ogni gruppo di età ha un suo ciclo di sonno e risvegli e più probabile che in un certo momento della notte(magari proprio quello scelto da una tribù nemica per attaccare), ci sia qualcuno vigile e in grado di dare l’allarme” spiega Alyssa Crittenden, antropologa dell’università del Nevada e coautrice dello studio.
Per avere una conferma sperimentale, i ricercatori hanno studiato una popolazione che vive in un modo non troppo dissimile dai cacciatori – raccoglitori dell’antichità: la tribù degli Hadza o Hadzabe, che vive cacciando con arco e frecce nelle savane della Tanzania.


Trentatré membri della tribù, 21 donne e 12 uomini hanno accettato di indossare per venti giorni dei braccialetti per il tracciamento del sonno attraverso i movimenti del braccio, dopo aver risposto a un questionario sulle loro maggiori preoccupazioni.
I braccialetti hanno provato che la variabilità nei tempi del sonno tra gli individui era molto alta. Il tempo in cui il gruppo di 33 soggetti è rimasto “indifeso”, senza nessuno in stato di veglia, è stato irrisorio: solo 18 minuti complessivi su venti notti.
“Questo può spiegarsi attraverso diversi meccanismi, fisiologici – la variabilità individuale nel momento di assopirsi e risvegliarsi – ma anche psicologici: ad esempio la propensione di alcuni ad addormentarsi, invece che nel silenzio assoluto, mentre qualcuno sta parlando, per il senso di protezione che si prova sapendo che gli altri vegliano”, sostiene la Crittenden.
Questi risultati scientificamente curiosi dimostrano ancora una volta come l’uomo nella sua evoluzione abbia comunque conservato caratteristiche ancestrali che nessun evento o accadimento successivo inerente l’evoluzione potrà mai cancellare.
Ricostruire il passato aiuta a capire il presente, ben consci che senza un passato non esisterebbe né il presente ma nemmeno il futuro.

Immagine:  www.wikihow.it

Fonte video: https://www.youtube.com

Gian Mattia Bazzoli – Gli ultimi primitivi. Alla scoperta degli Hadzabe(28 Aprile 2011)

Annapaola Di Ienno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi