Cultura Libri Consigliati Novità Editoriali Novità In Libreria

Cronache di Letteratura Inglese

lunedì, Novembre 18, 2019
Cronache di Letteratura Inglese

Questa settimana, come lettura, vi propongo un saggio. Tra le molteplici ragioni che mi hanno spinto a optare per questa scelta, c’è ne una che per la sottoscritta ha una valenza superiore, rispetto a tutte le altre.

L’argomento trattato in: Cronache di Letteratura Inglese – Dall’Angelo Ribelle a Frankenstein (Ibiskos Ulivieri, 2019) della collega giornalista e docente di lingua e letteratura inglese Daniela Quieti, mi riporta indietro nel tempo, consentendomi di ripercorrere inconsapevolmente delle tappe importanti che hanno segnato profondamente, sia la mia eccellente carriera come studentessa universitaria, sia la mia vita personale.

Scelgo di riportare integralmente la premessa del libro:

Questo saggio presenta un panorama delle maggiori tendenze letterarie sorte in Inghilterra tra la fine del Rinascimento e L’Età Vittoriana, attraversando Età Puritana, Restaurazione, Rivoluzione Industriale, Illuminismo, Preromanticismo, Sublime, Romanticismo, Romanzo Gotico, ed evidenziando le teorie, i dibattiti e le poetiche di figure letterarie fondamentali nel divenire dei contesti culturali e sociali della nazione: Milton, Bunyan, Dryden, Defoe, Pope, Walpole, Beckfoard, M.Shelley, Wordsworth, Coleridge, Keats, E. B. Brownning, Thackeray, Pater. Ne risulta un’opera organica, in cui le idee dominanti fiorite nei vari periodi storici offrono elementi d’interpretazione delle basilari correnti artistiche che hanno ispirato la scena intellettuale europea fino all’epoca moderna.

Lo spirito delle principali tendenze di alcuni importanti autori è messo in evidenza in termini di significato e contributo, dedicando particolare attenzione ai frequenti legami con la centralità religiosa della Bibbia, “il grande codice della cultura occidentale” come la definì il poeta e pittore inglese William Blake, e agli influssi dei suoi archetipi morali e filosofici nei temi del Paradiso perduto di John Milton e del Frankenstein di Mary Shelley.

Nello specifico, si è dato rilievo ai complessi rapporti teologici che coinvolgono il caduto Satana, il Creatore e la sua Creazione, tra desiderio di ribellione e redenzione, predestinazione e libero arbitrio, fato e intervento della Provvidenza, conoscenza e amore espressi sullo sfondo di una natura emozionante o tenebrosa con un incomparabile genio immaginativo senza tempo.

L’Introduzione, che, volutamente, scelgo di riportare in pillole ci descrive, invece, il periodo storico dietro il quale si sviluppa una letteratura particolarissima, che suo malgrado forgia e identifica una nazione: L’Inghilterra in cui storia, conservatorismo e modernità convivono ancora oggi nel Bene e nel Male.

Leggiamo con attenzione queste pillole storiche:

Il diciassettesimo secolo in Inghilterra è attraversato da incessanti tensioni sia nel mondo letterario sia in quello politico. Nel 1603 dopo più di quattro decadi sul trono, Elisabetta I, ultima rappresentante della dinastia Tudor, muore nubile.[…] le succede Giacomo I, sovrano d’Inghilterra dal 1603 al 1625.[…]. Iniziatore della dinastia Stuart, egli unifica sotto la sua persona le corone di Scozia e Irlanda.[…]
[…]Questo è anche il tempo delle grandi traduzioni[…]. Tra il 1625 e il 1675 circa, il paese vive un lungo periodo di controversie religiose e di conflitti sociali tra innovazione e tradizione, segnati dalla guerra civile[…].
[…] Sotto Carlo I Stuart le agitazioni politiche e clericali si accentuano.[…]
[…] Ciò nondimeno, le idee fiorite in quel periodo storico saranno rielaborate nei secoli successivi, diventando parte delle principali tendenze sociali che avrebbero influenzato lo scenario politico moderno.

Non dobbiamo dimenticare come storia e letteratura sovente camminino insieme, nel senso che un’opera letteraria è lo specchio dei tempi e spesso ne diventa, suo malgrado, un’interpretazione che porta con se sfaccettature e influenze di ogni tipo, anche dal punto di vista critico…

Storia e letteratura in questo testo, convivono certamente in maniera particolare.

Foto: Logos – Cultura

Annapaola Di Ienno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • Ma le periferie esistono davvero? Forse qualcuno di voi, leggendo il titolo di quest’articolo, ha pensato che la risposta alla domanda in esso contenuta sia scontata. Molto spesso, in effetti, capita di vedere che, nelle nostre città, le zone sono ben distinte, tra quelle più ricche, sicure, colorate e quelle invece più degradate, che appaiono scolorite e povere. Leggi su vortici.it
  • Le giornate d'Autunno alla scoperta di un'Italia bellissima. Leggi su vortici.it
  • Il ruolo della luce nella medicina rigenerativa. Leggi su vortici.it
  • Immagine di Instagram
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi