Cultura Poesie

‘A ‘mmasciata

sabato, Ottobre 2, 2021
‘A ‘mmasciata

Cari lettori e lettrici, bentornati nella rubrica di Vortici.it in cui potrete leggere questa settimana una poesia scritta da un autore o un’autrice della nostra contemporaneità che la nostra redazione ha scelto per voi. Buona immersione nelle profondità del vostro spirito con la poesia di questa settimana che s’intitola ‘A ‘mmasciata ed è stata scritta da un Grande come Antonio De Curtis, in arte Totò, la cui attualità è ancora oggi fortissima. La poesia è scritta in napoletano e noi di Vortici.it non la traduciamo perchè ve la lasciamo gustare così com’è, essendo comprensibile ed essendo il dialetto davvero molto profondo e verace:

 

Nu caro amico dice a n’ato amico:
– Pe mezza toja me songo appiccecato.
Tu vuò sapè cu cchi?
No, nun t’ ‘o ddico.
Statte tranquillo, l’aggio sistemato.
Afforza ‘o vvuò sapè? E mo t’ ‘o ddico,
ma tu nun ‘o cunusce, è n’imbecille.
Na vota s’ ‘a faceva int’ a stu vico,
mo pare ca sta ‘e casa a Via dei Mille.

Ch’ha ditto? Niente… L’aggio sistemato.
Mo nun s’azzarda cchiù a fà ‘o fetente.
Ha ditto ca tu si nu disgraziato;
ma nun ‘o dà importanza, è n’ommo ‘e niente.

E ch’ato ha ditto? ‘E solde nun se fanno
onestamente senza n’espediente,
si ‘a ggente parla, ride, è pecchè sanno
comme te l’he accattata ‘a milleciento…

Che ssaccio, ca mugliereta ch’ha fatto,
ca tu te stive zitto, ire cuntento,
ca te ‘mparaste pure a ffà ‘o distratto
e doppo t’accattaste appartamento.

Sentenno sti parole, tu mme saje,
‘o sango a parte a capa m’è sagliuto:
Che faccio? Accido a chisto… ‘o passo ‘o guaio…
Sentenno ‘e di ca si pure curnuto,

nun ce aggio visto cchiù: l’aggio ‘nchiantato
senza le dà nemmanco ‘a bonasera.
Sta lezione se l’ha mmeretata,
‘nfaccia a sti ccose io songo assaje severo!

Aprite ll’uocchie si n’amico vuosto
ve vene a raccuntà ca v’ha difeso
‘a quacche malalengua: è stu cagliostro
ca isso stesso ve vò fà l’offesa.

E quante nce ne stanno ‘e chiste amice
ca songo “cari amici”… e nun è overo.
Guardatele int’ ‘a ll’uocchie… sò felice
quanno fanno vedè ca sò sincere.

‘A nonna mia, vicchiarella e saggia,
diceva sempe: – Nce sta ‘o ditto antico:
Chi ‘mmasciata te porta, vance adagio,
ca ‘ngiuria te vò; fà; … e nun è amico. –

 

Antonio De Curtis – Totò

 

 

Massimiliano Spiriticchio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi