Blogs Cultura curiosità Informatica Società

Gli italiani donano sempre più al volontariato… a tutte le età e spesso online!

giovedì, gennaio 24, 2019
Gli italiani donano sempre più al volontariato… a tutte le età e spesso online!

Vedere il bene che cresce non è qualcosa che si possa dare sempre per scontato in un tempo nel quale si registra da più parti, come ha di recente fatto il Censis, che l’Italia è un Paese addirittura “incattivito”, per via della delusione legata al vedere che la crisi non è finita, come forse evidentemente qualcuno credeva potesse accadere. Eppure la voglia di fare del bene, tra gli italiani non è certo svanita e a certificarlo arrivano i numeri forniti dal magazine Vita, mensile dedicato al racconto sociale, al volontariato, alla sostenibilità economica e ambientale e, in generale, al mondo non profit. Nel suo numero, la rivista racconta: “Il boom delle donazioni individuali destinate alle non profit registrato nel nuovo Italy Giving Report realizzato dalla nostra testata: + 9,5%”. Il riferimento è all’iniziativa, lanciata dal magazine, che ha realizzato un vero e proprio rapporto sulle donazioni nel nostro Paese. La cifra che risulta dalle donazioni venute fuori dalla dichiarazioni dei redditi del 2017 (anno d’imposta 2016) è proprio quella che vedete nella prima immagine di quest’articolo: 5,367 miliardi di euro, ovvero 5 miliardi e 367 milioni.

State pensando che si tratta di una cifra molto alta? Se sì, fate francamente bene, visto che, rispetto all’anno precedente, l’aumento è stato del 9,5%. La fonte dei dati è il Ministero dell’Economia, secondo cui, in particolare, a beneficiare della generosità italica sono stati le Onlus, che hanno visto crescere le donazioni ricevute, gli Ordini religiosi, stabili rispetto al 2016, e le Organizzazioni non governative, che però hanno subito un calo.

In particolare, nel tempo, crescono sempre più due fattori: l’attenzione sugli enti e le associazioni cui si dona e il numero di donatori online. Sul primo versante il 69% degli italiani afferma di non donare a enti che non gli permettono di verificare come vengano utilizzate le donazioni e i risultati raggiunti grazie a queste ultime. Quanto invece agli strumenti scelti per le donazioni, l’online è in salita sia come strumento scelto per effettuare fisicamente la donazione, sia come mezzo per partecipare alle campagne solidali. I dati arrivano dallo studio Donare 3.0 commissionato a Doxa da PayPal e Rete del Donoper osservare quanto le donazioni siano diffuse nella popolazione italiana connessa a Internet e identificare eventuali barriere, abitudini o atteggiamenti che caratterizzano il comportamento degli utenti del Belpaese.

più di 8 intervistati su 10 (83%) hanno confermato di aver effettuato donazioni nel 2017, permettendo in questo modo all’Italia di proseguire la sua striscia positiva nel campo della solidarietà. Si riducono invece i donatori “regolari” (15%), con molti più italiani che scelgono di effettuare una donazione a un’associazione (64%) o di acquistare un regalo solidale in occasione di ricorrenze particolari (74%). Importante la crescita del Crowdfunding, con un aumento del 3% su base annua di interpellati (18% vs. 15%) che dichiarano di aver donato online per un progetto di solidarietà, riportando in questo modo i valori a quelli che si erano riscontrati nel 2016.

Gli italiani tendono a donare apiù associazioni differentiin media 3 (66%), principalmente in contanti (44%, a fronte del 49% del 2016): questo calo nel numero di italiani che scelgono il contante, gli sms (dal 24% nel 2016 al 16% nel 2017) o i bollettini (da 16% nel 2016 a 14% nel 2017), si somma a una stabilità sostanziale nelle donazioni via bonifici (13% nel 2016 vs 15% nel 2017), anche grazie all’aumento di utilizzo dell’home banking (oltre l’80% degli utenti usa solo questa modalità per effettuare queste operazioni), e alla crescita importante delle donazioni online che da un 15% nel 2016 sono passate a un 18% nel 2017, rendendo così la modalità telematica, il secondo metodo di donazione preferito dagli Italiani. Più di un italiano su tre (40%) indica i dispositivi mobili come piattaforma preferita per le donazioni, il 78% sceglie ancora il PC. Questi dati, però, se rapportati con l’anno precedente, rivelano una storia molto differente. Infatti, si può notare come per i donatori da desktop, il valore sia sceso di quasi il 10% tra il 2016 e il 2017, mentre per gli utenti mobile, notiamo come si sia passati da un 31% nel 2016 a un 40% nel 2017, evidenziando un aumento pari al 69% di persone che hanno donato solo da smartphone.

Ma gli italiani quanto si fidano dei vari enti ed associazioni? Ce lo racconta un’indagine Eurispes, che racconta di un 64,9% di popolarità del volontariato, in calo rispetto al 79,9 raggiunto nel 2011, ma comunque molto più alto come dato rispetto a tutte le altre realtà considerate dall’indagine, tra le quali crescono carabinieri, polizia e soprattutto sindacati, passati in un solo anno, dal 2016 al 2017, da un grado di fiducia pari al 28,6% ad uno pari al 40,2%.

La crescita del web come luogo del dono è documentata anche da alcuni fenomeni che si sono verificati in questi anni, come in particolare la nascita di due piattaforme, Istituto Italiano Donazione Italia Non Profit. Queste due realtà sono, con le loro specificità, la dimostrazione di quanto il volontariato sia apprezzato maggiormente quando è svolto con la stessa professionalità del profit.

 

Per rendersene conto basta leggere quanto è scritto nel lancio dell’iniziativa Io dono sicuro, messa in campo dall’Istituto Italiano Donazione per venire incontro a quanti vogliono sapere se l’associazione o l’ente cui donano denaro è credibile o no: “Il percorso di adesione a IO DONO SICURO, il primo database in Italia di ONP verificate da IID, è più snello per le organizzazioni con entrate inferiori ai 300 mila euro annui rispetto al percorso per le organizzazioni con entrate superiori 300 mila euro annui. Tenuto conto delle dimensioni ridotte delle prime, infatti, il percorso prevede un controllo puntuale dei documenti fondamentali dell’organizzazione, il tutto svolto direttamente dagli uffici IID: bilanci, statuti e rendicontazione in genere. Al termine del percorso di verifica documentale, se i controlli hanno dato esito positivo, l’ONP non diventa Socio IID ma entra a far parte del database IO DONO SICURO e riceve il marchio ONP selezionata dall’IID. Attraverso la scheda di adesione, da compilare direttamente sul sito, l’ONP renderà pubblici i suoi dati economici, tra cui i costi per la missione, per la raccolta fondi e per il mantenimento della struttura. I controlli sono ripetuti annualmente per tenere sempre aggiornate le informazioni contenute nel database”. L’Istituto Italiano Donazione è insomma un vero e proprio ente certificatore della serietà delle varie associazioni aderenti, anche se va detto che non tutte quelle che non aderiscono sono da ritenersi non serie, perchè magari non hanno semplicemente i fondi necessari per sostenere le spese necessarie.

Se invece cercate un ente non profit e magari avete in mente solo la categoria in cui cercarlo, allora potete dare un’occhiata a Italia Non Profit.È quì infatti che troverete un vero e proprio elenco di non profit operanti in vari ambiti e potrete, volendo, inserire anche l’associazione di cui eventualmente fate parte: “Siamo convinti che incoraggiare le persone a capire e ad informarsi sui Dati e sulle Storie degli enti, possa aumentare il valore delle donazioni, producendo importanti esternalità positive per la collettività” si legge nella sezione “chi siamo” del portale in questione, come a dire che fanno bene gli italiani a voler sapere a chi donano.

Il volontariato, insomma, non è più una partenza all’avventura: è un settore in cui contano molto due cose: professionalità e umanità… anche online!

 

 

 

— Massimiliano Spiriticchio

Scrivi un commento

comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Dialoghi "Conversazioni sulla natura dell'universo"
Per saperne di più:
http://vortici.it/un-nuovo-modo-di-leggere-la-scienza-e-la-fisica/
  • Una lingua antica può salvare il patrimonio intellettuale e culturale odierno…
http://vortici.it/una-lingua-antica-puo-salvare-il-patrimonio-intellettuale-e-culturale-odierno/
  • Sfiorar l’anima
http://vortici.it/sfiorar-lanima/
  • Il fenomeno dell’immigrazione raccontato ai bambini
Un libro di Carlo Marconi
http://vortici.it/il-fenomeno-dellimmigrazione-raccontato-ai-bambini/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi