Economia Eventi Società Sports World Football

Ecco cosa significa per l’Italia un mondiale senza Italia…

venerdì, giugno 8, 2018
Ecco cosa significa per l’Italia un mondiale senza Italia…

Giornalisti sportivi, esperti di economia e diritti televisivi, si sono seduti attorno ad un tavolo per riflettere sulle ripercussioni, in ogni ambito, dell’assenza della nazionale azzurra dai campionati mondiali di calcio in Russia, che iniziano Giovedì prossimo 16 Giugno.
Enrico Varriale e Simona Rolandi di “Rai Sport“, Guido D’Ubaldo, caposervizio al “Corriere dello Sport – Stadio” e Segretario dell’Ordine dei Giornalisti, Goffredo De Marchis, ex giornalista sportivo ora noto “retroscenista” di Repubblica,e Walter Balzaretti, esperto di temi economici, hanno condiviso valutazioni ed analisi, anche sentimenti e sensazioni personali sull’esclusione dell’Italia dai mondiali.
Un’analisi completa, ad ampio raggio, di tutte le implicazioni socio-economiche, sportive di un mondiale di calcio in Russia che non include l’Italia nella lista dei partecipanti: questo é stato il senso di un evento formativo organizzato da ACLI, in collaborazione con ODG – Ordine Dei Giornalisti Abruzzo.
Un dibattito tra esperti di sport, economia, televisione, al Museo D’Arte Moderna Vittoria Colonna di Pescara, inserito nel calendario di iniziative dei Campionati nazionali ‘Sport in Tour 2018’ di ACLI: un’intensa settimana di sport, dal 7 al 10 Giugno, promossa da ACLI stessa tra Pescara e Montesilvano.
Simona Rolandi di Rai Sport ha anche ricostruito quei momenti, quegli “attimi”, vissuti negli studi televisivi RAI, dopo l’infausto spareggio contro la Svezia, descrivendo anche l’altalena di stati d’animo dei protagonisti presenti, opinionisti e Leggende della nazionale azzurra. “Marco Tardelli – racconta la conduttrice televisiva di Rai Sport – ostentava sicurezza ed infodeva tranquillità a tutti fino 15, 10 minuti dalla fine della partita, ed era poi visibilmente incredulo al fischio finale”.
“In quegli attimi immediati dopo la partita – ha rivelato la Rolandi – la difficoltà più grande é stata mantenere il sorriso in studio, in un momento di delusione profonda, perchè poi non possiamo mai dimenticarci che parliamo di sport, e di calcio”.
La conduttrice di Rai Sport, approfondisce anche gli effetti di questa sconfitta sportiva storica sul suo lavoro: “con l’Italia fuori dai mondiali, e la successiva scelta della RAI di non acquistare i diritti dell’evento sportivo, sarà davvero complicatissimo per me raccontare le vicende ed il susseguirsi di fatti sportivi in Russia: le immagini acquistate, sono destinate ai notiziari. Perciò – spiega la Rolandi –
davvero dovremo inventarci qualcosa, aggrappandoci magari ai tweets del Messi di turno”.
“Un peccato, un’occasione sfumata – conclude Simona – perchè un mondiale è davvero una fucina di eroi, attesi ed inattesi, di protagonisti da scoprire”.

Simona Rolandi racconta i momenti vissuti in Rai dopo la partita con la Svezia

Il Collega di Simona Rolandi in RAI, Enrico Varriale, annota già in anticipo difficoltà e problemi in Russia per ottenere accrediti per la cosiddetta “zona mista” di transito dei giornalisti: “purtroppo la priorità di ingresso negli stadi spetta logicamente a chi dispone dei diritti televisivi in Italia, in questo caso i giornalisti Mediaset, oltre ai cronisti che lavorano le testate giornalistiche di quei paesi coinvolti di volta in volta nella partita”. “Magari – spiega Varriale, non senza una punta di ironia – sarà possibile ottenere un accredito di ingresso allo Stadio per le partite dall’Arabia Saudita, che dubitò avrà molti giornalisti al seguito”. “Non vi nascondo – aggiunge Varriale – che la scelta della mia rete fa male, molto male, perchè i campionati del mondo di calcio costituiscono un momento irripetibile per raccontare storie uniche, scoprire e conoscere paesi, realtà civili”. Varriale annuncia poi le novità Rai per la stagione estiva: “Abbiamo in serbo una programmazione radiofonica rinnovata, in particolare un canale, sempre radiofonico, interamente sportivo che inizia il suo palinsesto proprio in coincidenza con i mondiali di calcio, oltre a nuovi canali digitali fruibili, ma la perdita dei mondiali – ribadisce Enrico Varriale – costa tanto sul piano professionale ed umano, ed è una scelta molto dolorosa”.

Enrico Varriale spiega cosa significa per i giornalisti RAI un mondiale senza Italia

Per Goffredo De Marchis – firma politica di Repubblica, “sarà interessante calcolare il traffico di condivisioni social nel primo mondiale di calcio social” e, facendo un paragone con il passato, Egli si interroga in particolare sulle reazioni popolari: “Dopo un grande successo della nazionale azzurra, oggi, assisteremmo ad una pioggia di stati facebook, tweets, foto instagram, snapchat, o la gente scenderebbe ancora in piazza a festeggiare, spontaneamente, senza distinzione di fede, colore, razza, come accadde dopo Germania – Italia del ’74?”
Ad Andrea Balzaretti invece il compito di riordinare i “freddi numeri” economici di un mondiale senza Italia, in una conversazione che è stata molto profonda da un punto di vista emotivo.
Balzaretti classifica i danni economici globali in danni diretti, indiretti e danni all’indotto economico globale dell’Italia. Il danno diretto – spiega Balzaretti – “è al movimento calcio nel suo insieme, e si riferisce a tutti quei mancati introiti e premi in denaro dalla FIFA per il passaggio del turno e tutti i successivi match della fase finale dei mondiali, dal girone alle eliminatorie: soldi “cash” persi dalla Federazione Italiana. Poi ci sono i danni all’indotto economico – prosegue nel ragionamento Balzaretti – che coinvolgono vari settori della nostra economia: dalle scommesse sportive, che subiranno una forte contrazione, all’export del Made In Italy, dal turismo all’acquisto dei televisori, che in concomitanza dei mondiali di calcio normalmente registra sempre un’impennata”. “Nella società dell’immagine – questo è uno degli argomenti di Walter Balzaretti – tutto è immagine, e così il lontano 1982 ed il più vicino 2006 presentano un denominatore comune: una maggior quota di afflussi turistici verso l’Italia”. “Senza tralasciare – osserva Balzaretti – il danno indiretto, più strettamente psicologico, derivante da un mondiale di calcio senza Italia, che si riflette in tantissimi aspetti e sfaccettature della vita quotidiana e sociale: ad esempio, per dirne una, le pizzerie venderanno meno questa Estate solo perchè l’Italia non sarà presente ai mondiali”.

Balzaretti analizza le ripercussioni economiche di un mondiale senza Italia

La coda del dibattitto si è poi trasformata in una discussione vivace e molto acceso tra presente, passato e futuro del calcio italiano, allenatori, vivai, pochi o troppi stranieri, errori di formazione, voci di spogliatoio, aneddoti di sms post-Svezia, cosa fare e non fare: alla fine, come nostra abitudine consolidata, tutti noi, giornalisti o tifosi senza nessuna distinzione, amiamo vestire i panni del Commissario Tecnico della nazionale italiana.

Simona Rolandi
Simona Rolandi, giornalista professionista dal 2001, conduce Dribbling su Rai Due dal 2013. Ha svolto il praticantato presso la Scuola di Giornalismo Radiotelevisivo di Perugia. Dal 2001 lavora a Rai Sport. Ha seguito, come inviata o come conduttrice in studio, i mondiali di calcio del 2006, del 2010 e del 2014, gli europei del 2008 e del 2012, la Confederations Cup del 2013 e le Olimpiadi di Pechino e di Londra. Nel 2007 e nel 2008 è alla guida della Domenica Sportiva Estate.
Enrico Varriale
Enrico Varriale, giornalista Rai Sport, ex conduttore del Processo Del Lunedì. Varriale è attualmente conduttore in studio di “La Giostra dei Gol”, trasmissione calcistica domenicale visibile in quattro continenti che propone anche le dirette di alcuni match di Serie A.

— riccardo leone

Scrivi un commento

comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Acconsento alla conservazione ed al trattamento dei miei dati personali, secondo le regole descritte nella Privacy area di Vortici.it, per inviare questo commento

Instagram @ Vortici
  • La scadenza del copyright e le sue bellissime conseguenze per gli autori del 900’
Per saperne di più:
http://vortici.it/la-scadenza-del-copyright-e-le-sue-bellissime-conseguenze-per-gli-autori-del-900/
  • Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Riscaldamento in casa con stufe a pellet? Sì, ma…
Per saperne di più:
http://vortici.it/riscaldamento-in-casa-con-stufe-a-pellet-si-ma/
  • Articolo su antitruffa
Per saperne di più:
http://vortici.it/frodi-tranelli-e-raggiri-sul-web-stopparli-si-puo/
  • Dialoghi "Conversazioni sulla natura dell'universo"
Per saperne di più:
http://vortici.it/un-nuovo-modo-di-leggere-la-scienza-e-la-fisica/
  • Una lingua antica può salvare il patrimonio intellettuale e culturale odierno…
http://vortici.it/una-lingua-antica-puo-salvare-il-patrimonio-intellettuale-e-culturale-odierno/
  • Sfiorar l’anima
http://vortici.it/sfiorar-lanima/
  • Il fenomeno dell’immigrazione raccontato ai bambini
Un libro di Carlo Marconi
http://vortici.it/il-fenomeno-dellimmigrazione-raccontato-ai-bambini/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Nella nostra privacy Cookie area hai la possibilità di revocare il tuo consenso ai cookies di navigazione in ogni momento. Inoltre, sempre nella privacy cookie area sono illustrati i vari tipi di cookies in dettaglio, oltre alla nostra privacy policy per la sicurezza dei tuoi dati personali ed i tuoi diritti. Acconsenti all'uso dei cookies di navigazione? maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi